;
Home / Lettere / Allergene non dichiarato in etichetta: la segnalazione di un lettore e la risposta dell’azienda

Allergene non dichiarato in etichetta: la segnalazione di un lettore e la risposta dell’azienda

allergeneSecondo la normativa italiana ci sono 14 alimenti che sono considerati allergeni e che devono essere evidenziati in etichetta. Un nostro lettore ci ha segnalato una criticità su un prodotto acquistato in un punto vendita Unes. In passato avevamo pubblicato un richiamo molto simile (leggi qui) Di seguito riportiamo la segnalazione e la risposta della catena di supermercati.

La settimana scorsa ho comprato una confezione di piadine di farro a marchio il Viaggiator Goloso presso il supermercato UNES di Alessandria, Via Fabio Filzi 25. Dopo averla mangiata ho avuto una reazione allergica, sono sensibile alla senape. Ho verificato se veniva indicata la presenza dell’allergene sulla confezione, ma non c’era scritto nulla al riguardo. Ho provveduto per mia curiosità a far analizzare le piadine in questione e il laboratorio ha confermato la presenza dell’allergene senape. A seguito di ciò ho inviato una email all’USL di Alessandria, senza ricevere alcun riscontro. Per cortesia vogliate provvedere a dare l’allerta. Trattasi di: 3 Piadine di farro con olio di semi di girasole alto oleico (lotto l21411 con scadenza 05/07/2021) de il Viaggiator Goloso®.
Roberto

Allergene

Di seguito la risposta della catena di supermercati.

Unes Supermercati da sempre pone particolare attenzione alla sicurezza e alla soddisfazione dei suoi clienti con un assortimento Private Label selezionato e garantito da accurate analisi e ispezioni periodiche di controllo. L’azienda ringrazia i suoi consumatori e la testata Il Fatto Alimentare per la segnalazione sull’eventuale presenza di un allergene inviata in merito al prodotto Piadine di farro con olio di semi di girasole alto oleico (lotto l21411 con scadenza 05/07/2021) de il Viaggiator Goloso®.

Preallertata dall’ATS, Unes Supermercati si è subito attivata e sono già in corso, in collaborazione con l’organo competente, tutte le opportune verifiche per fare chiarezza su quanto segnalato. Sarà cura di Unes, qualora necessario, prendere eventuali provvedimenti su indicazione dell’ATS, continuando a garantire gli elevati standard di qualità e sicurezza che da sempre contraddistinguono i prodotti a marchio dell’azienda.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Plastica e olio: quali caratteristiche deve avere la bottiglia per evitare migrazione di sostanze nocive?

Ogni materiale impiegato a contatto con gli alimenti deve garantire la sicurezza alimentare e fungere …

Un commento

  1. Avatar

    Commento “spassionato”: che fatica rispondere chiaro…
    Avrebbero potuto scrivere ad esempio che in via precauzionale avevano ritirato il prodotto in attesa di analisi (lo sanno che le reazioni allergiche possono essere anche gravi?) ed ovviamente che avrebbero informato Il Fatto Alimentare dell’esito degli accertamenti.
    Voto alla risposta: 4.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *