Home / Nutrizione / “Contributo alla salute pubblica”: il senato francese si pronuncia sull’aliquota iva delle bibite zuccherate e degli energy drink

“Contributo alla salute pubblica”: il senato francese si pronuncia sull’aliquota iva delle bibite zuccherate e degli energy drink

salute pubblica sigarette alcol 458858937
La tassazione su sigarette, alcol e cibi poveri dovrebbe essere considerata un contributo alla salute pubblica

Quando si parla di tassazione di tabacco, alcol e cibi nutrizionalmente poveri, sarebbe bene abbandonare l’espressione “fiscalità comportamentale”, che è inappropriata e andrebbe sostituita con quella di “contributo alla salute pubblica”. Si tratta di una modifica lessicale, che eliminerebbe un aspetto morale e colpevolizzante, e che dovrebbe essere accompagnata da una chiara evidenza, sinora mancante, del legame tra questo contributo fiscale e i costi sanitari e finanziari dei consumi che si intende disincentivare.

Lo afferma un rapporto redatto per conto della Commissione affari sociali del Senato francese dai parlamentari Catherine Deroche et M. Yves Daudigny, in cui si evidenzia come la fiscalità comportamentale dell’ultimo decennio, applicata a sigarette, alcolici e bevande zuccherate, non sia stata accompagnata da alcuna politica attiva di salute pubblica.

 

drink bibite tasse 178375210
Gli alimenti nutrizionalmente poveri non dovrebbero avere l’aliquota iva agevolata

Fatta questa premessa, il rapporto afferma che non sembra logico che quasi tutti i prodotti alimentari godano di un’aliquota Iva ridotta, compresi quelli che non contribuiscono alla salute pubblica, come le bevande zuccherate e gli energy drink, che dal punto di vista fiscale sono posti sullo stesso piano dell’acqua minerale e dei succhi di frutta fresca.

 

In conclusione, il rapporto chiede di aggiornare la lista degli alimenti che possono beneficiare dell’aliquota Iva ridotta, tenendo conto delle loro caratteristiche nutrizionali, e di ripensare i messaggi relativi alla salute delle pubblicità alimentari.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: Thinkstockphotos.it

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Close up shot of an young successful man farmer is controlling with his hands at the moment harvested corn grains in a agricultural silo.

Nel 2100 dovremo produrre l’80% di calorie in più per sfamare 11 miliardi di persone. Lo studio pubblicato su PLoS One

Siamo sempre di più, e siamo anche più alti e più grassi. Ciò significa che …