Home / Nutrizione / Alimenti biologici: in Germania i consumatori non sono confusi dalla presenza di più certificazioni, e distinguono quelle nazionali dalle europee

Alimenti biologici: in Germania i consumatori non sono confusi dalla presenza di più certificazioni, e distinguono quelle nazionali dalle europee

frutta,agricoltura, biologico 200406755-001
A due anni dall’adozione del logo unico europeo per il “bio”, una ricerca stabilisce la percezione del consumatore

Dal luglio 2012, il nuovo logo europeo di certificazione dei prodotti biologici è obbligatorio su tutti gli alimenti biologici preconfezionati commercializzati  nell’Ue. La Germania, considerata il paese con il maggior mercato del biologico, utilizza già diversi marchi  volontari  rilasciati  da istituzioni governative e private, e alcuni temevano che  l’aggiunta di un nuovo logo potesse indurre in confusione i consumatori.

 

Una ricerca pubblicata dalla rivista Food Policy, dimostra che c’è spazio per marchi diversi, perché i consumatori sanno distinguere le specificità delle varie certificazioni. Al momento, a parità di standard richiesti per ottenere il logo, i tedeschi hanno  più familiarità con il marchio Bio-Siegel, introdotto dal governo tedesco nel 2001. Il più antico marchio biologico tedesco, Demeter, convive con quello europeo, perché richiede degli standard più severi e molti consumatori abituali preferiscono acquistare prodotti che hanno entrambe le certificazioni.

 

Questo è l’aspetto sottolineato dai due autori dello studioMeike Janssen e Ulrich Hamm, dell’Università di Kassel – secondo i quali, come riferisce il sito Food Navigator, per stare in un mercato competitivo, i loghi volontari di organizzazioni private devono possedere un valore aggiunto, percepibile dai consumatori, rispetto a quello obbligatorio europeo.

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

ragazza mangia piatto pollo fritto

L’obesità dipende dalla qualità del cibo piuttosto che dalla quantità di attività fisica

Ciò che fa prendere peso ai ragazzi non è tanto la quantità di attività fisica …

2 Commenti

  1. Avatar

    I tedeschi sono i consumatori di bio meno consapevoli del mondo, si vantano tanto dei loro prodotti bio quando se sapessero esattamente da dove provengono gli ingredienti forse mangerebbero convenzionale!
    Nel 90% dei cereali da colazione di colossi tedeschi le materie prime sono bio ma di pessima qualità e di origine Cina e/o Sud America. l’importante e’ che costi poco…questa la politica dei buyer tedeschi con cui ho a che fare tutti i giorni.

  2. Avatar

    Esperienza personale in Germania:
    Come QA manager di una azienda lattiera Italiana con consociate estere ho voluto verificare lo stato dell’arte di prodotti “biologici” prodotti e commercializzati da un n.s stabilimento situato in Baviera e verificare, con i responsabili, la catena di certificazione relativa. Ebbene, il direttore responsabile dell’ente di certificazione appositamente venuto ad incontrarmi voleva convincermi che nel latte “biologico” da noi raccolto, e da loro certificato, non potevano , in quanto “biologico” , crescere i microorganismi coliformi e neppure i patogeni. Basta questo livello di ignoranza e presunzione a qualificare lo stato del “biologico” come lo si intende in Germania?