Home / Efsa / L’aromatizzante aldeide perillica causa danni al DNA del fegato, rivela l’Efsa. Potenziale problema di sicurezza per altre nove sostanze chimiche affini

L’aromatizzante aldeide perillica causa danni al DNA del fegato, rivela l’Efsa. Potenziale problema di sicurezza per altre nove sostanze chimiche affini

aldeide perillica arance frutta agrumi 173777151
L’aldeide perillica è naturalmente presente nella buccia degli agrumi

La sostanza aromatizzante nota come “aldeide perillica” o “perillaldeide” (p-menta-1,8-diene-7-al), ha mostrato di essere genotossica e di procurare danni al DNA nel fegato. Lo evidenzia un nuovo studio condotto sugli animali e valutato dagli esperti scientifici dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa). L’aldeide perillica, che è naturalmente presente nella buccia degli agrumi, è prodotta in quantità limitate e aggiunta ad alcuni prodotti alimentari da forno, dolci, prodotti a base di carne e bevande alcoliche e non alcoliche, per ottenere un odore pungente e agrumato e un sapore legnoso, speziato, di agrumi. Nell’ambito del sistema dell’Unione europea per la valutazione degli aromatizzanti, l’aldeide perillica è un indicatore usato per valutare anche altre nove sostanze chimiche strutturalmente affini, note collettivamente come “aldeidi alicicliche”. Secondo gli esperti dell’Efsa esiste un potenziale problema di sicurezza anche per queste sostanze, salvo prova contraria.

Nel 2002, una prima valutazione aveva affermato che, agli attuali livelli di assunzione, l’aldeide perillica non poneva problemi di sicurezza. Nel 2008, la Commissione europea aveva chiesto all’Efsa di effettuare una nuova valutazione e nel 2012 l’industria degli aromatizzanti aveva presentato i primi dati. L’anno successivo, l’Efsa aveva concluso che la sostanza era potenzialmente genotossica e aveva richiesto un ulteriore studio per determinare i potenziali effetti sul fegato e sullo stomaco. Il nuovo studio, presentato nel 2014, è stato valutato dagli esperti dell’Efsa, secondo i quali l’aldeide perillica causa danni al DNA nel fegato.

 

© Riproduzione riservata

sostieniProva2Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Nutritionist doctor writing diet plan on table

Cresce la banca dati Efsa sulle abitudini alimentari degli europei. Aggiunti i risultati di nove nuovi studi da sei paesi

Dal 2005 l’Efsa lavora per raccogliere dati sulle abitudini alimentari degli europei. In un primo …

Un commento

  1. Avatar
    Mariagrazia Bregant

    Possiamo conoscere più in dettaglio la tipologia di alimenti ( non la marca) nei quali è presente questo aromatizzante?
    La sua presenza è scritta tra gli ingredienti presenti in etichetta ? E se non lo è, bisognerebbe obbligare le ditte a registrarlo.
    Indubbiamente , al momento attuale noi consumatori siamo costretti a passare molto tempo in supermarket o nei negozi a leggere etichette dei prodotti con scritte poco comprensibili e leggibili, prima di acquistarli e portarli “responsabilmente” a casa.
    Grazie al vostro continuo lavoro di informazione !