Home / Recensioni & Eventi / Agricoltura di precisione: nuova laurea magistrale in Scienze Agrarie attivata dall’Università Statale di Milano

Agricoltura di precisione: nuova laurea magistrale in Scienze Agrarie attivata dall’Università Statale di Milano

agricoltura di precisione tabletIl nuovo curcriculum in Agricoltura di Precisione prende il via nella laurea magistrale in Scienze Agrarie dell’Università Statale di Milano con il nuovo anno accademico 2019/2020.

L’obiettivo del corso è di formare professionisti specializzati in tecnologie innovative per interventi agronomici mirati. Questo percorso nasce per formare delle figure capaci di attuare nuove strategie di gestione dell’agricoltura, puntando all’ottimizzazione delle risorse (acqua, fertilizzanti, sementi, alimenti zootecnici, energia), impiegando tecnologie innovative per effettuare interventi agronomici sempre più mirati e dosati, definiti sulla base delle effettive esigenze delle colture e delle condizioni ambientali.

smart robotic farmers in agriculture futuristic robot automation to work to spray chemical fertilizer or increase efficiency
L’obiettivo del corso è di formare professionisti specializzati in tecnologie innovative per interventi agronomici mirati

Il corso di laurea in Agricoltura di Precisione è aperto agli studenti in possesso di una laurea triennale in Scienze e tecnologie agrarie e forestali (L-25) e nella corrispondente classe di laurea prevista dal D.M. 509/99; ma anche ai laureati in altre classi che abbiano acquisito un certo numero di crediti in determinati settori scientifico-disciplinari specificati nel Manifesto degli Studi, previa delibera del collegio didattico.

La didattica, con applicazioni in progetti di campo, prevede corsi come: sensoristica e automazione per la zootecnia di precisione, geomatica per l’agricoltura, metodologie sperimentali per l’agricoltura, gestione di precisione dei processi produttivi, tecnologie per l’uso delle energie rinnovabili, modellistica applicata all’agricoltura di precisione, rappresentazione informatica del territorio, ingegneria naturalistica.

Con questa laurea lo studente avrà un profilo tecnico a elevata specializzazione e potrà trovare sbocchi occupazionali in diversi ambiti quali erogazione di servizi innovativi alle aziende agrarie, assistenza tecnica nella gestione dei dati e dei sistemi di agricoltura di precisione, sviluppo di tecnologie digitali e dell’automazione per l’agricoltura.

Per tutte le informazioni si può consultare il sito qui.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Polli allevamento

Oltre 1,6 milioni di firme per chiedere lo stop agli allevamenti in gabbia

La petizione europea per la protezione degli animali negli allevamenti, End the Cage Age, lanciata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *