Home / Packaging / Dagli scarti caseari arriva il packaging 100% biodegradabile e compostabile. Progetto dell’Enea in collaborazione con la start-up pugliese EggPlant

Dagli scarti caseari arriva il packaging 100% biodegradabile e compostabile. Progetto dell’Enea in collaborazione con la start-up pugliese EggPlant

biocosi enea pbioplastica scarti industria lattiero-caseariaImballaggi e packaging per la conservazione degli alimenti biodegradabili e compostabili al 100%, ottenuti da una bioplastica che utilizza le acque reflue della filiera casearia ricche di lattosio. È questo l’obiettivo del progetto Biocosì, sviluppato dall’Enea in collaborazione con la start-up pugliese EggPlant.

Il progetto, che ha ottenuto un finanziamento dalla Regione Puglia di 1,4 milioni di euro, trasformerà in 18 mesi i rifiuti caseari in risorse, ridisegnando il packaging in chiave sostenibile e introducendo materiali biodegradabili. Attraverso il processo di separazione a membrana sviluppato dall’Enea nel Centro Ricerche di Brindisi per il frazionamento del siero di latte, si recuperano in modo differenziato tutte le componenti: sieroproteine/peptidi, lattosio e sali minerali, oltre ad acqua depurata. La collaborazione tra EggPlant ed Enea per la produzione di bioplastica biodegradabile e bioderivata dal lattosio estratto dai reflui, non solo consente la valorizzazione dei rifiuti ma permette anche  la riduzione degli inquinanti dell’industria casearia e  l’impatto della plastica nell’ambiente.

“Questa innovazione ispirata ai principi dell’economia circolare con l’obiettivo ‘zero rifiuti a fine processo’ – afferma Valerio Miceli della Divisione Biotecnologie e agroindustria dell’Enea –  risponde non solo a esigenze di natura etica e ambientale ma anche economiche, legate ai costi elevati dello smaltimento dei reflui caseari, consentendo oltretutto di tagliare di circa il 23% il costo unitario di produzione del biopolimero”.

Fonte immagine: Enea

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Rifiuto di Plastica bottiglia pet

Vuoto a rendere per le bottiglie in PET: un’altra occasione persa per l’Italia? E intanto gli Alpini invadono Trento con un mare di plastica

La grave situazione ambientale che deriva dai rifiuti di plastica è un problema su cui …

3 Commenti

  1. un bel presupposto. bravi!

  2. Notizia epica! Bella innovazione.

  3. Ritengo ottimo il progetto e l’idea, ma in quanto mamma di bimbo pluriallergico ed in particolare allergico alle proteine del latte vaccino mi chiedo come potrà essere tutelato?
    L’etichetta riporterà Ch l’involucro è ottenuto da derivati del latte? Che tipo di contaminazioni potranno esserci da l’involucro ai prodotti confezionati?