Home / Packaging / Dagli scarti caseari arriva il packaging 100% biodegradabile e compostabile. Progetto dell’Enea in collaborazione con la start-up pugliese EggPlant

Dagli scarti caseari arriva il packaging 100% biodegradabile e compostabile. Progetto dell’Enea in collaborazione con la start-up pugliese EggPlant

biocosi enea pbioplastica scarti industria lattiero-caseariaImballaggi e packaging per la conservazione degli alimenti biodegradabili e compostabili al 100%, ottenuti da una bioplastica che utilizza le acque reflue della filiera casearia ricche di lattosio. È questo l’obiettivo del progetto Biocosì, sviluppato dall’Enea in collaborazione con la start-up pugliese EggPlant.

Il progetto, che ha ottenuto un finanziamento dalla Regione Puglia di 1,4 milioni di euro, trasformerà in 18 mesi i rifiuti caseari in risorse, ridisegnando il packaging in chiave sostenibile e introducendo materiali biodegradabili. Attraverso il processo di separazione a membrana sviluppato dall’Enea nel Centro Ricerche di Brindisi per il frazionamento del siero di latte, si recuperano in modo differenziato tutte le componenti: sieroproteine/peptidi, lattosio e sali minerali, oltre ad acqua depurata. La collaborazione tra EggPlant ed Enea per la produzione di bioplastica biodegradabile e bioderivata dal lattosio estratto dai reflui, non solo consente la valorizzazione dei rifiuti ma permette anche  la riduzione degli inquinanti dell’industria casearia e  l’impatto della plastica nell’ambiente.

“Questa innovazione ispirata ai principi dell’economia circolare con l’obiettivo ‘zero rifiuti a fine processo’ – afferma Valerio Miceli della Divisione Biotecnologie e agroindustria dell’Enea –  risponde non solo a esigenze di natura etica e ambientale ma anche economiche, legate ai costi elevati dello smaltimento dei reflui caseari, consentendo oltretutto di tagliare di circa il 23% il costo unitario di produzione del biopolimero”.

Fonte immagine: Enea

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

souvenir turismo viaggio

Souvenir dalle vacanze. Attenzione ai materiali: potrebbero non essere adatti al contatto con gli alimenti

Le vacanze estive sono appena trascorse e molti ne hanno approfittato per fare qualche acquisto …

3 Commenti

  1. Avatar

    un bel presupposto. bravi!

  2. Avatar

    Notizia epica! Bella innovazione.

  3. Avatar

    Ritengo ottimo il progetto e l’idea, ma in quanto mamma di bimbo pluriallergico ed in particolare allergico alle proteine del latte vaccino mi chiedo come potrà essere tutelato?
    L’etichetta riporterà Ch l’involucro è ottenuto da derivati del latte? Che tipo di contaminazioni potranno esserci da l’involucro ai prodotti confezionati?