Home / Etichette & Prodotti / Paese che vai, Nutella che trovi… Ferrero cambia porzioni, grammature e un po’ la ricetta. In Italia 15g, in Svezia 21 e negli Usa 37!

Paese che vai, Nutella che trovi… Ferrero cambia porzioni, grammature e un po’ la ricetta. In Italia 15g, in Svezia 21 e negli Usa 37!

Nutella FerreroPuò sembrare strano, ma quando si parla di porzioni di Nutella, la quantità di crema alla nocciola della Ferrero da spalmare sul pane cambia in relazione alla latitudine.

 

Sul sito americano la porzione consigliata dalla tabella nutrizionale indica due cucchiai da tavola (2 tbsp) pari a 37g, che apportano 200 kcal. Su quello italiano però i valori sono molto diversi. La porzione consigliata è di 15g (meno della metà), per cui il contributo calorico complessivo ammonta a 81 kcal.

 

Nutella FerreroCom’è possibile una diversità così notevole? Perché l’azienda di Alba consiglia a un americano di mangiare più del doppio della crema rispetto a un italiano?

Abbiamo interrogato la Ferrero che ci ha prontamente risposto:

 

“I diversi “servings” che compaiono sulle etichette, variano in base ai criteri fissati per la loro determinazione dalla normativa nel paese di commercializzazione del prodotto”.

 

Nutella FerreroIn altre parole vuol dire che le dosi in etichetta devono adeguarsi alle normative presenti nei diversi Stati. È probabile che negli Usa esista un regolamento riferito anche alle creme spalmabili che considera come singola dose i due cucchiai da tavola. Questa non vale però in altri Paesi come l’Italia dove, in assenza di riferimenti precisi su cosa si debba intendere per porzione, ogni azienda decide autonomamente sulla base delle caratteristiche del prodotto.

Facendo qualche ricerca abbiamo notato una diffusa incongruenza di Ferrero a riguardo.

In quasi tutti i Paesi europei la società indica nella tabella nutrizionale una quantità di 15g, mentre in altri come la Svezia la porzione lievita a 21g, o scende a 19g in Canada (vedi tabella).

 

Ma se le differenti grammature sono il riflesso della mancanza di raccomandazioni comuni a tutti i Paesi, cosa dire quando le incongruenze sulle porzioni sono presenti all’interno dello stesso sito come succede in quello italiano?

 

Qui notiamo che la tabella nutrizionale sull’etichetta indica come porzione 15g, dose raddoppiata nella sezione “consigli per una colazione bilanciata” dove tutte le proposte sono formulate con 30 grammi di crema, anche se in entrambi i casi si prende come riferimento la dieta di un adulto di 2000 kcal. Perché?

 

Nutella Ferrero tabella

 

I consumatori possono essere più o meno d’accordo che 15g sia una “giusta” dose, ma l’azienda dovrebbe mostrarsi coerente con quando suggerisce sull’etichetta e utilizzare un’unica porzione come riferimento. A noi sembra realistico che per spalmare una fetta di pane siano necessari almeno 30 grammi di Nutella, ma forse siamo troppo golosi!

Nel sito americano di Ferrero invece, la porzione riportata nella tabella nutrizionale e quella consigliata per il breakfast indicano sempre due cucchiai da tavola di crema.

 

L’ultima curiosità che volevamo segnalare riguarda la frase che appare in una delle pagine web dell’azienda: “Grazie alla sua ricetta unica ed inimitabile e all’uso di ingredienti semplici e selezionati, NUTELLA® rende speciale il risveglio della famiglia da quasi 50 anni.”

Abbiamo fatto qualche ricerca scoprendo che gli ingredienti di Nutella sono sempre gli stessi, ma come per molti altri prodotti globalizzati (vedi Coca-Cola), la ricetta subisce delle piccole variazioni nelle quantità: per esempio in Finlandia c’è più cacao, mentre in Argentina e nei Paesi arabi, meno latte scremato in polvere.

 

Valeria Nardi

 

Paese Porzione di Nutella
Calorie a porzione kcal (GDA*)
Italia 15g 81 (4%)
Usa 37g (2 tbsp) 200 (10%)
Canada 19g (1 tbsp) 100
Svezia 21g 81 (4%)

(lo stesso apporto calorico dei nostri 15g mentre, se la ricetta non ha subito modifiche, dovrebbe essere 113 (5,6%))

Australia e Nuova Zelanda 20g 104
Turchia 15g 81
Brasile 20g 105 (5%)
Messico 18g (1 cuchara) 100
Argentina 20g 106 (5%)
Medio Oriente allargato (Algeria, Egitto, Libia, Marocco, Tunisia, Kuwait, Arabia Saudita, Emirati Arabi) La tabella nutrizionale indica solo i 100g, ma nelle ricette si fa riferimento a 30g /

 

*dieta con apporto giornaliero di 2.000 kcal (8.400 Kj)

 

Paese Ingredienti della Nutella
Italia zucchero, olio vegetale, nocciole (13%), cacao magro (7,4%), latte scremato in polvere (6,6%), siero di latte in polvere, emulsionanti: lecitine (soia), vanillina.
Finlandia zucchero, olio vegetale, nocciole (13%), cacao magro (8,5%), latte scremato in polvere (7,5%), emulsionante (lecitina di soia), vanillina.
Medio Oriente zucchero, olio vegetale (palma), nocciole (13%), cacao magro in polvere (7,4%), latte scremato in polvere (5%), siero di latte in polvere demineralizzato, emulsionante (lecitina di soia), aroma (vanillina).
Argentina zucchero, olio vegetale, nocciole (13%), cacao magro in polvere (7,4%), latte scremato in polvere (5%), siero di latte in polvere, emulsionante (lecitine), aroma (vanillina).

 

 

Articoli correlati:

Nutella a colazione? No grazie. Time attacca il camion Ferrero che fa pubblicità negli Usa

Nutella: censurato lo spot in USA, multa da 3 milioni. Seconda condanna dopo quella tedesca

La Nutella cambia etichetta e arriva il latte scremato in polvere. È il secondo ritocco per Ferrero

 

Foto: Nutella.it

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Passata di pomodoro: Le Conserve della Nonna è la regina del test di Altroconsumo. Star e Divella i migliori acquisti

Dalla pasta alla pizza, la passata di pomodoro è un ingrediente indispensabile nella cucina degli …

3 Commenti

  1. Avatar

    Le porzioni non sono standard (per fortuna!).
    Probabilmente si prende un gruppo locale di persone, si chiede quant’è per loro una porzione e si fa la media. Idem per le ricette: ci saranno dei gusti diversi, delle abitudini diverse e non mi dilungo. Questo articolo non mi sembra irrilevante, per questo discorso non è utile e mostra una certa non conoscenza del mondo da parte degli autori, con una voglia di attaccare la Nutella non giustificata.

  2. Valeria Nardi

    Caro Carmelo, mi sembra di aver capito che lei ritiene la notizia irrilevante, spero non sia così per tutti i lettori. La diversità tra le porzioni è sembrato un dato curioso, che poteva prestarsi da scusa per parlare di come le leggi di etichettatura non siano ancora uniformate, tanto che le stesse aziende fanno non poco fatica quando esportano i propri prodotti.
    Non era mia intenzione attaccare la Ferrero, e tanto meno la Nutella che, quando capita, mangio in quantità ben superiore ai 15g consigliati.

  3. Avatar

    Ma è proprio questo il punto: chi è che vorrebbe uniformare l’etichettatura? E così le porzioni! Nell’affermazione "le leggi di etichettatura non siano ancora uniformate" c’è una volontà espressa di uniformare, mentre la cosa non deve e non può essere percepita come un problema. Le standardizzazioni e le uniformità non portano vantaggi se non agli speculatori. Saluti