Home / Pubblicità & Bufale / L`istituto di autodisciplina pubblicitaria non censura la pubblicità di Ferrero Gran Soleil, ma la società cambia lo stesso il messaggio

L`istituto di autodisciplina pubblicitaria non censura la pubblicità di Ferrero Gran Soleil, ma la società cambia lo stesso il messaggio

AGGIORNAMENTO 20 gennaio 2012

Il primo esposto inviato dal nostro sito al Giurì dell’autodisciplina pubblicitaria per censurare il messaggio di Antonella Clerici è stato respinto.

Il Giurì ci ha scritto dicendo che:

1) Non è riuscito a trovare la pubblicità (!)

Tutto ciò è molto strano visto che  la campagna  è apparsa più volte sui più importanti quotidiani nazionali occupando ogni volta una pagina intera, e comunque bastava fare una telefonata in redazione per avere precise informazioni)

2) In fondo è vero quando dice Ferrero che il gelato aiuta la digestione (!)

Questo concetto non è proprio il pensiero  dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) che non ha mai autorizzato scritte simili sui prodotti e sui messaggi  pubblicitari. Dobbiamo  sospettare che il Giurì abbia consultato esperti e nutrizionisti in grado di competere con i pareri dell’UE prima di giungere a certe affermazioni di tipo scientifico. La teoria del gelato che aiuta a digerire è comunque molto interessante, anche se purtroppo nei libri e nella bibliografia scientifica non si trova traccia di queste teorie.

3) Che Ferrero  nelle nuove campagne  ha cambiato il messaggio. Questo aspetto lo abbiamo notato anche noi,  ma il compito del Giurì non è di controllare l’iter delle campagne ma dirci se sono ingannevoli.

Roberto La Pira 23 gennaio 2012

 

 

Lo spot di Gran Soleil cambia testo e immagini in occasione delle feste natalizie. La protagonista è sempre Antonella Clerici che invece di decantare le virtù del dessert con l’ormai celebre frase «delizia il palato favorisce la digestione», propone la versione Gran Soleil natalizia: togliere la confezione dal freezer, immergere per qualche secondo in acqua calda e servire sul piatto  a fianco di lamponi, zucchero a velo e  cioccolato.
Dalla pubblicità, quasi per miracolo, è scomparso il riferimento alle proprietà digestive del prodotto (vedi foto sopra e a lato). Così come all’interno del sito www.gransoleil.it, dove l’ultimo accenno, presente fino a pochi giorni fa, è stato rimosso, anche se la scritta «delizia il palato favorisce la digestione » continua  a campeggiare sulle confezioni. È lecito chiedersi se questo significativo cambiamento sia collegato alla richiesta che ilfattoalimentare.it ha inviato all’Antitrust per censurare il precedente spot con Antonella Clerici.

Ferrero sosteneva che la sola presenza di piccolissime quantità di alcune erbe era in grado di favorire le proprietà digestive del dessert!
L’azienda, da noi interpellata, ha risposto che «i cambiamenti introdotti nello spot del Ferrero Gran Soleil sono esclusivamente legati all’evoluzione delle strategie di marketing ed indipendenti da altre considerazioni».

La scelta di Ferrero di un nuovo spot senza decantare improbabili caratteristiche salutistiche è comunque apprezzabile. Per quanto riguarda i motivi del cambiamento e la successiva recentissima modifica del sito, è lecito pensare che l’ipotetica bocciatura della pubblicità da parte dell’Antitrust dello spot non farebbe bene ad Antonella Clerici e a Gran Soleil, anche se  ognuno è libero di pensarla come crede…

P.S Ci aspettiamo che i riferimenti alla digestione spariscano al più presto anche dalle confezioni del prodotto. Vi terremo aggiornati

Paola Emilia Cicerone,  Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

brancamenta amaro censura iap instagram

Brancamenta, censurato il post su Instagram di un influencer: è pubblicità occulta. La sentenza dello Iap

L’Istituto di autodisciplina pubblicitaria, con la pronuncia del Comitato di controllo n. 48/19 del 30/08/2019, ha …