Home / Etichette & Prodotti / Disincentivare il consumo di alcolici è possibile se si segue la strategia usata per le sigarette

Disincentivare il consumo di alcolici è possibile se si segue la strategia usata per le sigarette

aperitivo bar locale alcol vino alcolici donneC’è un modo per convincere le persone a bere meno alcolici: scrivere sulla bottiglia o sulla lattina che la diminuzione dell’assunzione (anche di piccole quantità) fa calare il rischio di sviluppare sette tipi di tumori. Meno efficaci risultano invece altri avvisi quali quelli sulle calorie presenti o sui possibili danni cardiovascolari.
Il potenziale ruolo di scritte analoghe a quelle presenti sui pacchetti di sigarette arriva da un’analisi effettuata sui dati inglesi del Global Drugs Survey, una grande indagine sul consumo di sostanze d’abuso cha ha verificato le abitudini e le propensioni di 130.000 cittadini di 44 paesi, 3.600 dei quali sudditi di Sua maestà.

Interrogati su che cosa avrebbero pensato se fossero stati apposti sette tipi di scritte, dai danni al fegato al consiglio di astenersi dal bere almeno due giorni a settimana, o che gli alcolici contengono molte calorie, i britannici hanno risposto che queste informazione, non li avrebbero convinti a modificare le proprie abitudini.

Viceversa, la dicitura “bere di meno riduce il rischio di sviluppare sette tipi di tumore” avrebbe indotto il 40% dei partecipanti a ripensare alla quantità di alcol assunta e probabilmente a bere di meno, anche se il 55% ha dichiarato che non modificherebbe nulla e il 5% di avere dei dubbi in merito. Per contro, solo il 31% ha risposto che muterebbe le proprie abitudini se leggesse una scritta sulle calorie.

Le meno informate sui danni dell’alcol sono risultate essere le giovani donne (con meno di 25 anni): il 65% di loro ha ammesso di non conoscere l’associazione con i sette tipi di tumore e il 46% di non sapere che astenersi anche solo per due giorni a settimana può ridurre in misura significativa il rischio di sviluppare una malattia epatica.
Restando in Gran Bretagna, la Scozia detiene un poco invidiabile primato: è prima, tra i 44 paesi, per accessi al Pronto Soccorso causati dall’alcol, che hanno interessato il 4,2% dei partecipanti (un tasso doppio rispetto ai cugini inglesi); nel suo insieme, l’isola è al quinto posto (insieme alla Russia), per accessi al PS: il 3% del campione ne ha avuto bisogno, soprattutto se aveva meno di 25 anni, contro lo 0,8% di francesi e tedeschi.

alcolici
La diminuzione dell’assunzione fa calare il rischio di sviluppare 7 tipi di tumori

Proprio a causa di numeri come questi, molti si stanno interrogando su come intervenire, e secondo Adam Winstock, psichiatra esperto di dipendenze e tra gli ideatori dell’indagine, l’avviso sul rischio oncologico potrebbe essere efficace, anche se non nega che molti restano scettici. L’esperto punta poi il dito contro le aziende che – sottolinea – non fanno nulla per scoraggiare le bevute, soprattutto quelle eccessive, concludendo lapidario: “le aziende lasciate libere di autoregolarsi si organizzano per conseguire il loro profitto, non la salute pubblica”.

Un altro membro del panel del sondaggio, Ian Gilmore, capo di Alcohol Health Alliance, ha infine sottolineato che è evidente che moltissime persone semplicemente non sanno che gli alcolici possono far male, e che le scritte possono migliorare il livello di consapevolezza, fatto che sarebbe un passo in avanti importante.
Come per l’obesità, non c’è una sola soluzione miracolosa, ma probabilmente anche in questo caso l’approccio migliore è quello che punta sulla conoscenza prima ancora che su fattori quali il prezzo o l’età, e i risultati sul rischio oncologico sembrano confermarlo.

© Riproduzione riservata

Ogni giorno oltre 40mila persone ci seguono.
Siamo indipendenti e liberi da logiche politiche e aziendali. Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori che coprono il 20% delle spese

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Panettone fresco

Come si sceglie un buon panettone? Una lettrice chiede consigli. Eccoli.

“Mi è capitato un paio di volte di voler acquistare un panettone speciale per fare …

Un commento

  1. Disincentivare il consumo di alcolici con delle scritte per migliorare il livello di consapevolezza?

    In bocca al lupo con questa strategia ottimistica.

    Mi ricorda la storia delle cinture di sicurezza obbligatorie, la consapevolezza che ti salvano la vita c’è sempre stata, ma prima dell’obbligo la gggente continuava a fregarsene di indossarle.