Home / Pianeta / Negli Usa è stata autorizzata la vendita di alcol in polvere. Alcuni Stati lo hanno già bandito per il rischio di diffusione tra i minorenni e nei luoghi vietati

Negli Usa è stata autorizzata la vendita di alcol in polvere. Alcuni Stati lo hanno già bandito per il rischio di diffusione tra i minorenni e nei luoghi vietati

Frozen Margarita cocktail
L’alcol in polvere è stato autorizzato negli USA: polemiche per la pericola diffusione e il rischio che venga sniffato

Negli Stati Uniti sta per arrivare sul mercato, tra le polemiche, l’alcol in polvere, il Palcohol, prodotto dall’azienda Lipsmark e approvato dall’Alcohol and Tobacco Tax and Trade Bureau. Alcuni Stati – come Lousiana, South Carolina, Vermont e Massachusetts – lo hanno già vietato e altri si apprestano a farlo, nel timore che la comodità di trasporto possa favorire l’uso degli alcolici tra i minorenni e il consumo in luoghi dove l’uso è vietato, come scuole, concerti e stadi.

Una busta di Palcohol contiene 100 ml di polvere che, mischiata con 15 cl d’acqua produce una bevanda alcolica simile a quella in bottiglia. Ci sono diverse varianti del prodotto: vodka, rum, cocktail cosmopolitan, margarita e lemon drop.

 

Sul sito di Palcohol e in un video, Mark Phillips, l’inventore del prodotto, la cui formula è ancora segreta, risponde alle obiezioni sollevate contro l’alcol in polvere, affermando che sarebbe irresponsabile vietarlo, perché è dimostrato che, quando qualcosa è vietata, la domanda aumenta. Inoltre, si creerebbe un mercato nero, che farebbe perdere agli Stati il controllo della distribuzione e le entrate fiscali derivanti dalla vendita. All’obiezione che qualcuno potrebbe sniffare l’alcol in polvere e ubriacarsi in questo modo, Phillips risponde che anche il pepe nero può essere sniffato ma che questo non costituisce un buon motivo per vietarlo; inoltre, nel caso del Palcohol, ci vorrebbe quasi un’ora per sniffare l’equivalente di un bicchierino di vodka liquida, che può essere bevuta in due secondi.

 

Beniamino Bonardi

 © Riproduzione riservata

foto: istockphotos.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Pita, Arabic bread

Il pane più antico potrebbe avere 14 mila anni. Archeologi trovano briciole in un focolaio datato 4 mila anni prima dell’agricoltura

Gli esseri umani hanno iniziato a mangiare il pane migliaia di anni prima che l’agricoltura …

Un commento

  1. Le obiezioni portate dall’inventore sono complessi capolavori del migliore sofismo. A quando la liberalizzazione delle armi atomiche per non farne aumentare la domanda? E che dire di “ingoiare mezzo chilo di antidepressivi? E allora? Anche le caramelle allo zucchero possono essere ingoiate 500 gr alla volta…”.
    L’unica obiezione seria è “ci vorrebbe quasi un’ora per sniffare l’equivalente di un bicchierino di vodka liquida, che può essere bevuta in due secondi.”