Home / Supermercato / Acqua minerale: i prezzi al super possono triplicare. Ne vale la pena? Chi apprezza le differenze?

Acqua minerale: i prezzi al super possono triplicare. Ne vale la pena? Chi apprezza le differenze?

La stragrande maggioranza delle persone ritiene incomprensibili le etichette dell’acqua minerale, non da valore all’autorizzazione sanitaria rilasciata decenni fa dal ministero della Sanità e non guarda certo i valori relativi ai controlli analitici realizzati in laboratorio. La gente considera l’acqua in bottiglia un sostituto dell’acqua di rubinetto, un prodotto banale da bere a tavola durante i pasti privo di riscontri salutistici.

Per questi motivi la scelta della marca  non è influenzata da fattori nutrizionali o dietetici, ma da elementi molto pratici come il costo, il sapore, la presenza di bollicine e la pubblicità. L’acquisto però è complicato perché i prezzi al supermercato lievitano anche di 10 volte e si  arriva a 15  per la mitica Perrier. Tutto ciò è difficile da giustificare, visto che il costo della materia prima è praticamente nullo e la qualità dovrebbe essere uniforme (tutte le fonti sono sottoposte a controlli periodici, sono certificate da Ministero, hanno una composizione diversa perché ogni sorgente ha un contenuto di sali unico (proprio come l’acqua del rubinetto).

Il prezzo della minerale è quindi abbastanza scollegato dalla materia prima, ma dipende da altri fattori come: la gestione della fonte (ricerche ambientali e geologiche per mantenere costante la qualità e la purezza), la quantità di plastica utilizzata per la bottiglia, il trasporto, la pubblicità, il margine del distributore e l’IVA arrivata al 21%.

Volendo fare un confronto tra minerali e rubinetto possiamo dire che tutte hanno una composizione in sali minerali diversa e sono diuretiche. Le diversità riguardano: la costanza della composizione, e la purezza  delle fonti delle minerali che non possono essere trattate, come invece accade regolarmente con l’acqua di rete sottoposte a filtrazione e clorazione. Ci sono infine acque come le bicarbonato calciche in grado di coprire il 30% del fabbisogno di calcio giornaliero, che forse varrebbe la pena non banalizzare rispetto a quelle pubblicizzate come leggere.

C’è un altro elemento da considerare, in alcune città l’acqua di rubinetto ha un sapore di cloro intenso poco gradevole, e allora le soluzioni sono due o comprare le bottiglie o usare i filtri professionali o le caraffe filtranti che però non danno risultati così eclatanti. La presenza delle bollicine non è più un’esclusiva  della minerale in bottiglia, ci sono anche nell’acqua distribuita gratuitamente dalle fontanelle situate  nelle piazze di numerose località lombarde.

Chi sceglie la minerale ha  sempre il dubbio su quale marca comprare. Molto dipende dal budget a disposizione. Considerando il consumo di un litro al giorno, chi sceglie una marca pubblicizzata in televisione deve preventivare 110 euro l’anno, che diventano 79 per una marca locale poco famosa, e si riducono a 36 se si vuole risparmiare a tutti i costi e accollarsi  il peso di cestelli pesanti con bottiglie da due litri senza bollicine.

Premesso che la qualità dovrebbe essere un requisito comune, le differenze di prezzo sono correlate soprattutto alla quantità di plastica usata e al trasporto. Una bottiglia rigida, pesante, magari sagomata e colorata per risultare gradevole quando si porta a tavola, costa molto di più. L’altro elemento è il trasporto, bere in Sicilia acqua imbottigliata in Trentino o in Lombardia è un’operazione costosa. Anche la pubblicità e l’attività di marketing per le marche leader ha un incidenza  significativa (vedi tabella).

PREZZO AL LITRO DI UNA BOTTIGLIA DI PLASTICA DI ACQUA MINERALE E SPESA ANNUALE

  

 MARCA LEADER  MARCA LOCALE  PREZZO Più ECONOMICO
 distribuzione nazionale  distribuzione locale  distribuzione locale
BOTTIGLIA IMBALLO  0,15  0,1  0,06
TRASPORTO  0,05  0,01  0,01
MARKETING,  PUBBLICITA’  0,01  0,01  0,0
MARGINE DETTAGLIANTE  0,04  0,04  0,015
IVA 21 %  0,05  0,04  0,015
Prezzo euro/litro   0,30  

 0,20

0,10

Spesa annuale in euro

(1 litro al giorno )

109,5 73,0 36,5

Foto:Photos.com

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

serra aeroponica agricooltur auchan

Una vera serra per l’insalata nel supermercato: l’esperimento di Auchan e Agricooltur a Torino. L’articolo di RetailWatch

Una serra dentro al supermercato? È l’esperimento di un punto vendita Auchan a Torino, che …

2 Commenti

  1. A Pieve S. Stefano (AR) c’è la CASINA DELL’ACQUA dove tutti possono prendere l’acqua
    , volendo anche gassata, al
    costo di 5 centesimi al litro.
    Anch’io l’ho presa ed era buonissima chiaramente in bottiglie di vetro.
    Il Comune ci guadagna 1 centesimo a litro e risparmia
    sullo smaltimento dei rifiuti
    (plastica). E’ una buona idea.

  2. Io abito in provincia di Fermo e ho sempre bevuto acqua del rubinetto.
    Comunque pensavo che sull’acqua l’IVA fosse agevolata, 21% è assurdo…per non parlare del futuro che ci prospetta il 23.50%!