Home / Nutrizione / Garattini: bene la riduzione dello zucchero decisa dall’Oms, andrebbe tassato come tabacco e alcol. Grave la decisione di Federalimentare

Garattini: bene la riduzione dello zucchero decisa dall’Oms, andrebbe tassato come tabacco e alcol. Grave la decisione di Federalimentare

Silvio-Garattini
Silvio Garattini:Il consumo di zuccheri dovrebbe essere tassato, oppure si dovrebbe vietare o limitarne la pubblicità

La strana decisione delle autorità italiane di opporsi alle nuove raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), che invitano a ridurre la quantità di  zuccheri semplici sino al 10% del fabbisogno calorico giornaliero, con l’esortazione a ridurre ulteriormente questa soglia al 5%, non può essere considerata occasionale. Abbiamo già pubblicato un lungo articolo di Nicoletta Dentico dell’Osservatorio Italiano sulla Salute Globale in cui vengono illustrati i retroscena della  decisione e l’influenza che ha avuto un’azienda privata come Ferrero.  Oggi pubblichiamo un’intervista di Paola Emilia Cicerone a Silvio Garattini tossicologo e direttore dell’Istituto di ricerca Mario Negri sulla questione zucchero.

 

Professore secondo lei le istituzioni devono impegnarsi a contenere il consumo di zuccheri ?

“Il consumo di zuccheri dovrebbe essere tassato, oppure si dovrebbe vietare o limitarne la pubblicità come si è fatto con il tabacco o si cerca di fare con l’alcol”.

 Non le sembra difficile però pensare che possano essere adottate misure così drastiche….

“In realtà servirebbe un intervento integrato che parta dall’educazione scientifica, che nelle nostre scuole è sempre carente. Sarebbe importante insegnare qual è l’apporto calorico dei diversi alimenti, quali sono gli effetti di quello che mangiamo sulla nostra salute. Un obiettivo a lungo termine, così come sono un obiettivo a lungo termine le campagne informative per controbilanciare il peso della pubblicità, aiutando a capire quanto siano dannosi gli eccessi. E poi perché no, si potrebbe pensare a tassare gli alimenti ricchi di zucchero. Non credo che funzionerebbe come deterrente: non saranno pochi centesimi di aumento che impediranno di comprare merendine o bevande gassate. Ma la tassa potrebbe essere una sorta di rimborso allo Stato per le spese sanitarie generate da questi consumi, e anche un segnale rivolto ai consumatori”.

 

zucchero  148085878
E’ grave che Federalimentare si sia schierata così nettamente contro la riduzione dello zucchero nella dieta

In questo quadro, cosa ne pensa dell’iniziativa italiana di contrastare le linee guida dell’OMS che puntano a ridurre il consumo di zucchero?

“Valuto positivamente queste linee guida, come una delle iniziative mirate a limitare i consumi eccessivi di zuccheri. Ed è grave che un’associazione di produttori come Federalimentare si sia schierata così nettamente contro, muovendosi per difendere i propri interessi indipendentemente da un minimo di attenzione per la salute pubblica”.

Possiamo spiegare perché gli zuccheri semplici sono così dannosi? In realtà zuccheri e carboidrati fanno parte della dieta mediterranea.

“Però la dieta mediterranea è fatta di tre pasti: una colazione leggera, un pranzo e una cena. Il problema è che questi prodotti ricchi di zucchero non sono alimenti, ma fuori pasto che la pubblicità ci induce a consumare per combattere un languorino, o per superare un momento di frustrazione. In questo modo però si aggiungono alla normale alimentazione, e portano a introdurre calorie extra che non sono equilibrate da un aumento dei consumi energetici”.

E non apportano neanche principi nutritivi importanti…

“Esattamente: snack e merendine sono concentrati di zuccheri, grassi e sale – qui stiamo parlando di zucchero ma varrebbe la pena di affrontare anche il tema deli consumi eccessivi di sale -che hanno un valore nutrizionale molto scarso. Per non parlare delle bevande gassate, che non hanno alcun valore dal punto di vista nutrizionale”.

Quali sono i rischi per la salute?

“Ingerire più calorie significa aumentare di peso, tra le conseguenze dirette ci sono problemi della funzionalità cardiaca, perché il sovrappeso mette sotto sforzo l’apparato cardiocircolatorio, e squilibri metabolici che rappresentano un fattore di rischio per il diabete, a sua volta fattore di rischio per patologie cardiovascolari, renali e della visione. Ricordiamoci che la maggior parte delle malattie non piove dal cielo, siamo noi con i nostri comportamenti a procurarcele”.

 

zucchero 467009529
“… preoccupano i dati che si riferiscono ai giovanissimi, sempre più sovrappeso e sedentari, anche perché condizionati da televisione e computer, e dalla pubblicità di dolci e merendine

Qual è, da questo punto di vista, la situazione dell’Italia?

“Abbiamo tassi di obesità più ridotti rispetto ad altri paesi europei, anche se preoccupano i dati che si riferiscono ai giovanissimi, sempre più sovrappeso e sedentari, anche perché condizionati da televisione e computer, e al tempo stesso dalla pubblicità di dolci e merendine”.

Come intervenire, a livello individuale? Dobbiamo rinunciare ai dolci?

“I dolci fanno parte della nostra tradizione, ma in passato si mangiavano in occasioni eccezionali. Il consumo sporadico non presenta problemi, così come non c’è niente di male a mettere un cucchiaino di zucchero nel caffè o a mangiare un dolcetto. I problemi nascono se consumiamo regolarmente ogni giorno questi piccoli extra ricchi di zucchero. Basta usare il buon senso, tenere d’occhio la bilancia e se vediamo che stiamo ingrassando, diminuire un po’ le porzioni o aumentare l’attività fisica”.

 Paola Emilia Cicerone 

Riproduzione riservata

stabilimento produzione petizioneIl Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade hanno lanciato una petizione per chiedere che sulle etichette dei prodotti alimentari rimanga l’indicazione dello stabilimento di produzione.

Per sottoscrivere clicca qui

 

 

 

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

junk food

Cibo ultra-trasformato, negli USA 8 alimenti consumati su 10 sono industriali. L’allarme dei ricercatori

L’80% del cibo che consumano gli statunitensi proviene da fonti industriali, e questa sarebbe già …

4 Commenti

  1. Uno volta tanto non sono d’accordo con Garattini.
    Sono convinto che l’educazione alimentare non si faccia per coercizione, ma per convinzione.
    Lo stabilire dall’alto cosa devo mangiare o meno lo trovo un attimo dittatoriale ed il tassare è uno strumento da daziere non da alimentarista.
    Se proprio si deve tassare si tassi la pubblicità del cibo spazzatura e non il prodotto che produrrebbe ulteriori differenze di classe in base a ciò che mangi, spingendo ad atteggiamenti poco sani solo per farsi vedere che bevi quella bevanda zuccherata tassata, quindi costosa.
    Ricordiamoci che si va al fast food come moda, mica per mangiare bene.

  2. Come comprare con certezza dello zucchero integrale autentico e non colorato?
    Ci sono marche che garantiscono il prodotto?

  3. Concordo con l’articolo,inutile tassare,vantaggioso rendere il consumatore consapevole di cio’ che mangia e di quanto ne mangia!!!