Home / Etichette & Prodotti / Zolletta dove sei? Nel vasetto di yogurt Muller cremoso alle fragole ce ne sono 3,4

Zolletta dove sei? Nel vasetto di yogurt Muller cremoso alle fragole ce ne sono 3,4

Yogurt muller zollette zuccheroIl vasetto di yogurt Muller cremoso con fragola in pezzi contiene “il 23% di preparazione alla frutta  (di cui 11,5 g  di fragole), non ha conservanti e coloranti aggiunti”. La descrizione in etichetta è molto invitante e anche le immagini sono ben studiate, quello che però sfugge alla maggior parte dei consumatori è la quantità di zucchero presente in un vasetto. Si tratta di 16,8 grammi o se preferite 3,4 zollette di zucchero (*) (vedi foto). Certo una parte  provengono dal latte (5,5 g di lattosio) e in minima parte dal fruttosio delle fragole (0,5).

Gli zuccheri aggiunti agli alimenti sono una delle cause di obesità e per questo motivo sono uno dei temi più scottanti dibattuto nel mondo della nutrizione. Secondo l’OMS, per abbassare il rischio di serie patologie croniche gli zuccheri semplici aggiunti (**) non devono superare il 10% delle calorie. Per un adulto vuol dire circa 50 grammi al giorno corrispondenti a 10 zollette. Il vasetto di yogurt Muller consumato al mattino a colazione copre il 33,4% del valore limite giornaliero! Peccato che sovente allo yogurt viene abbinato un succo di frutta oppure biscotti o fette biscottate con la marmellata. E a questo punto la quantità decolla.

yogurt muller fragola

(*) Le zollette pesano 5 g

(**) Gli zuccheri aggiunti o zuccheri liberi sono quelli contenuti in alimenti e bevande zuccherate, miele, sciroppi, succhi di frutta da concentrato, e succhi/spremute/centrifughe/estratti anche 100% di frutta.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Prosciutto

Come scegliere un buon prosciutto crudo. Preconfezionato o al banco e quanti mesi di stagionatura? I consigli dell’esperto

Nonostante la recente bufera che ha investito il Consorzio del prosciutto di Parma e che …

3 Commenti

  1. Antonacci Cinzia

    Finalmente si da la caccia allo zucchero…. Infiltrato!
    Nn riesco a trovare ne corn flakes ne muesli senza zucchero figurarsi un pacco di biscotti!!! E rinuncio…. Continuate così grazie!!!

    • Cinzia, non mi ricordo quale marca pseudo-salutistica usa il maltitolo, ma ti consiglio di passare all’avena semplice (senza frutta disidratata e zuccherata o altre aggiunte similari). Ci puoi fare il porridge, aggiungerla ai frullati, ecc…

    • Per me non è una questione salutistica, ma di gusto. Ho preso l’abitudine a fare da me i biscotti dimezzando la quantità di zucchero delle ricette ed il muesli mescolando gli ingredienti comprati da soli senza zuccheri aggiunti (con un po’ di attenzione si trovano) con una tavoletta di cioccolato 99% cacao grattuggiata.
      Ho avuto un successo insperato. I miei biscotti sono apprezzati da tutti. Forse se l’industria dimezzasse gli zuccheri aumenterebbe le vendite.