Home / Etichette & Prodotti / Schweppes tonica, la bottiglia da 250 ml ha quattro zollette e mezzo di zucchero, si raggiunge la metà del limite raccomandato

Schweppes tonica, la bottiglia da 250 ml ha quattro zollette e mezzo di zucchero, si raggiunge la metà del limite raccomandato

schweppes 250 nutri score zollette“La curiosità rende la vita affascinante”. Sono le parole della nuova pubblicità Schweppes. E noi, esortati da questa curiosità, ci siamo chiesti: quanto zucchero c’è in una Schweppes? La bottiglietta di tonica da 250 ml contiene 22,3 g di zucchero, in pratica 4 zollette e mezzo da 5 g. Una quantità elevata, che probabilmente non viene percepita al palato grazie al suo gusto amarognolo, dovuto al cloridrato di chinino. La bevanda appartiene al gruppo dei cosiddetti cibi ricchi di calorie vuote. Ovvero alimenti con molte calorie ma privi di nutrienti.

L’etichetta a semaforo Nutri-Score assegna al prodotto il colore rosso, proprio per l’eccessivo contenuto di zucchero, suggerendone un consumo moderato.

Nutri Score Coca-ColaL’OMS, per abbassare il rischio di serie patologie croniche, raccomanda un’assunzione massima di 50 g di zuccheri semplici aggiunti (*) al giorno. Con una sola bottiglietta si raggiunge quasi la metà della soglia. Perciò, attenzione al resto della giornata.

(*) Gli zuccheri aggiunti o zuccheri liberi sono quelli contenuti in alimenti e bevande zuccherate, miele, sciroppi, succhi di frutta da concentrato, e succhi/spremute/centrifughe/estratti anche 100% di frutta.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Simone Finotello

Guarda qui

Different pasta types on the wooden table.

Dalla trafilatura al bronzo alla lievitazione lenta, in etichetta crescono le indicazioni del metodo di produzione. I numeri dell’Osservatorio Immagino

“A lunga lievitazione”, “lavorato a mano”, “trafilato al bronzo”. Le tecniche di produzione fanno capolino …