Home / Etichette & Prodotti / Gran Bretagna: troppo zucchero nei piatti pronti (50 grammi a porzione). L’allerta della rivista Which? Problemi anche per le salse

Gran Bretagna: troppo zucchero nei piatti pronti (50 grammi a porzione). L’allerta della rivista Which? Problemi anche per le salse

pollo in agrodolce 57576133
Il pollo in agrodolce di Sainsbury’s e Tesco contiene fino al 50 grammi di zucchero

In Inghilterra ci sono cibi pronti che contengono 50 grammi di zucchero, l’equivalente di dieci cucchiaini da tè. Si tratta di una quantità doppia rispetto a quanto raccomandato giornalmente nelle nuove linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Lo ha scoperto la rivista britannica dei consumatori Which?, analizzando 17 cibi pronti, in vendita nei maggiori supermercati del Regno Unito. Il pollo con riso in salsa agrodolce (Sweet and Sour Chicken with Rice) di Sainsbury’s è il peggiore, con 50,7 grammi di zucchero, pari a dieci cucchiaini per porzione. Troviamo, a poca distanza, la stessa ricetta (Everyday Value Sweet and Sour Chicken with Rice) di Tesco, con 48,7 grammi di zucchero.

 

ready-meal-infographic-367423Seguono altri piatti pronti a base di pollo, in cui gli zuccheri aggiunti sono il terzo o quarto ingrediente. Parallelamente a questa indagine della rivista dei consumatori, il Sunday Times ha fatto analizzare 26 salse vendute nei supermercati col loro marchio e che vengono pubblicizzate per il basso contenuto di sale e/o di zucchero.

Nei due terzi dei casi (17), le analisi hanno scoperto che il contenuto reale di sale e zucchero è superiore a quanto indicato in etichetta: fino al 52% per quanto riguarda il sale e il 38% per lo zucchero. Essendo il Sunday Times accessibile solo a pagamento, i risultati si possono vedere in un box pubblicato dal Daily Mail.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: Thinkstockphotos

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

Con PayPal: clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

intestato a Ilfattoalimentare.it di Roberto La Pira indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Family chooses dairy products in shop

La guerra delle etichette nutrizionali: batteria contro semaforo. L’Italia in controtendenza rispetto all’Europa

Il governo italiano presenterà all’Ue un modello di etichette nutrizionali a batteria come controproposta all’etichetta …