Home / Etichette & Prodotti / Data di scadenza dello yogurt: la Spagna dice stop e la sostituisce con il termine minimo di conservazione per ridurre gli sprechi

Data di scadenza dello yogurt: la Spagna dice stop e la sostituisce con il termine minimo di conservazione per ridurre gli sprechi

yogurt 173424420
Niente più data di scadenza sugli yogurt in Spagna

La Spagna, con un decreto reale datato 28 aprile, ha deciso di abolire la data di scadenza sugli yogurt. Si tratta di un provvedimento che si inserisce in una questione di cui si dibatte da anni, e che probabilmente prima o poi dovrà trovare una composizione europea: quella dell’indicazione della data di scadenza sui prodotti freschi. Il provvedimento è entrato in vigore nei giorni in cui Miguel Arias Cañete, promotore dell’iniziativa nonché Ministro dell’agricoltura, dell’alimentazione e dell’ambiente, è stato sostituito, e rientra in una campagna di sensibilizzazione dell’opinione pubblica contro lo spreco di cibo il cui slogan è: “Più alimenti, meno scarti”.

 

yogurt 152962561(1)
Senza scadenza non vi sarà più l’obbligo di ritirare dagli scaffali  dei supermercati lo yogurt tre giorni prima della data

Cañete ha comunque dichiarato: «La società si è evoluta e con essa si sono evoluti i suoi codici. Il nostro modo di nutrirci e i nostri ritmi sono cambiati: più stressato e meno attento, il consumatore interpreta spesso in modo sbagliato le date di scadenza, e non si preoccupa affatto dell’organizzazione del suo frigorifero. Di più, e peggio: è stimolato dalle campagne pubblicitarie ad acquistare quantità di alimenti poco adatti a una persona sola. Ma il consumatore non è l’unico colpevole. Per esempio, la ristorazione collettiva non tiene abbastanza conto delle esigenze degli utilizzatori: troppi piatti troppo pieni, che finiscono regolarmente nella spazzatura”. A questo commento c’è stato chi ha risposto che se le confezioni e i testi in esse contenuti non sono più adatte al cliente moderno, la colpa è dello Stato, ed è responsabilità delle autorità adeguare il cibo ai tempi moderni.

 

donna yogurt 74622
In Spagna è stata rinnovata anche la divisione in categorie: ora sono sei, ma c’è anche lo yogurt pastorizzato !

Secondo la nuova normativa, comunque, lo yogurt in Spagna non dovrà più recare la data di scadenza (in precedenza fissata a 28 giorni dal confezionamento), ma soltanto la data più appropriata per il consumo (in Italia TMC o Termine Minimo di Conservazione) che dovrà essere determinata dagli operatori. Un aspetto, quest’ultimo, volto anche a dare più libertà d’azione ai produttori stessi, che potranno agire in autonomia. Inoltre – e questa è un’altra novità molto importante – i rivenditori non saranno più obbligati a ritirare la merce dagli scaffali da uno a tre giorni prima della data di scadenza: un fatto che potrebbe davvero contribuire in modo significativo a ridurre lo spreco, soprattutto se i supermercati offriranno gli alimenti vicini alla scadenza a prezzi vantaggiosi. Rinnovata infine anche la suddivisione in categorie, che diventano sei: naturale, naturale zuccherato, dolcificato, con frutta o succhi e altri alimenti, aromatizzati e pastorizzati dopo la fermentazione.

 

«L’iniziativa di introdurre in Spagna per la categoria yogurt un TMC  mi sembra interessante – commenta Vittorio Zambrini Direttore Qualità Innovazione Sicurezza Ambiente di Granarolo – si tratta di un modo per ridurre gli sprechi domestici.  Questa iniziativa andrebbe ulteriormente rafforzata evidenziando sull’etichetta che dopo la data riportata sulla confezione lo yogurt è comunque buono, anche se ha meno fermenti vivi. Leggo invece meno positivamente la decisione degli spagnoli di introdurre sul mercato lo yogurt pastorizzato, cioe’ uno yogurt (ma questo termine quasi non ha più senso) in cui non ci sono più fermenti vivi. A tal proposito è più corretto nei confronti dei consumatori la normativa italiana che chiama questo prodotto latte fermentato stabilizzato termicamente”.

 

 

Agnese Codignola

© Riproduzione riservata

Foto: thinkstockphotos.com

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

SENZA GLUTINE CELIACHIA

“Senza glutine” la scritta che si trova sui prodotti più impensabili. Un lettore chiede se è lecito

Perché alcuni prodotti naturalmente privi di glutine presentano il claim “senza glutine”? Se lo chiede …

2 Commenti

  1. Avatar
    Costante Pinelli

    Mi associo ai commenti di Vittorio Zambrini, perché non sembra sia molto chiara ai consumatori la differenza fra data di scadenza e termine minimo di conservazione (TMC). Moltissimi consumatori si pongono il problema se lo yogurt, e altri prodotti nelle stessa condizioni, siano ancora commestibili dopo il TMC indicato sulla confezione. Sarebbe oltremodo utile ad evitare inutili sprechi una mirata e corretta campagna informativa sui media, magari seguita dalla verifica del risultato. In particolare sarebbero favorite, con grandi risparmi per aziende, punti vendita, ambiente e consumatori, le iniziative, già largamente praticate in Europa, di mettere in promozione nei punti vendita i prodotti prossimi al TMC

    • Avatar
      gian rodolfo SARTIRANO

      ai sensi della normativa europea sull’etichettatura, data di scadenza e termine minimo di conservazione (TMC) hanno, al fine dei controlli ufficiali sulla sicurezza alimentare, un significato ben diverso:
      data di scadenza: prodotto alimentare con data di scadenza superata rinvenuto sugli scaffali = denuncia penale
      TMC: prodotto alimentare con termine minimo di conservazione scaduto = tocca alla Autorità di vigilanza dimostrare, se lo ritiene opportuno, (con esami di laboratorio) che il prodotto è pericoloso