Home / Lettere / Yogurt alla greca della Lidl: un lettore chiede se l’elenco degli ingredienti è corretto

Yogurt alla greca della Lidl: un lettore chiede se l’elenco degli ingredienti è corretto

Yogurt alla grecaL’elenco degli ingredienti dello yogurt della Lidl è corretta? Se lo chiede un nostro lettore che ci ha inviato una lettera interessante, alla quale ha risposto la catena di supermercati.

Ho un dubbio sulla correttezza dell’elenco degli ingredienti dello yogurt alla greca di Milbona (Lidl): “panna (?), proteine del latte, fermenti lattici”. Di solito gli yogurt, per essere definiti tali, sono fatti solo con latte e fermenti.
Inoltre non è obbligatorio per legge specificare le specie dei fermenti lattici utilizzati?

Sergio

Di seguito la risposta della catena di supermercati.

In merito alla sua richiesta le confermo che non è obbligatorio indicare il “nome scientifico” dei fermenti, ma colgo l’occasione per specificarle che si tratta dei normali batteri dello yogurt, ovvero “Lactobacillus bulgaricus” e “Streptococcus thermophilus“, vivi e vitali nel prodotto finito. Gli ingredienti sono regolari e consentiti, sia in Italia (paese di commercializzazione) che in Germania (paese di produzione). La panna, ovvero la parte più grassa del latte, viene utilizzata per poter ottenere un prodotto più cremoso (in questo prodotto arriviamo al 10% di grassi). Attualmente non ci sono norme italiane che definiscano lo “yogurt alla greca” (detto anche “yogurt colato”), per cui per questo tipo di prodotto si possono trovare ricette particolari che dipendono da produttore a produttore.

Per chi volesse approfondire l’argomento, può leggere il nostro recente articolo sugli yogurt bianchi.

© Ripetizione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Lidl: il burro Milbona va consumato entro due giorni! Le perplessità di un lettore e la risposta della catena che conferma

Il tema delle scadenze e di quanto realmente durino gli alimenti è sempre attuale. In …

3 Commenti

  1. Avatar

    Non penso sia un grosso problema quello che lo yogurt sia fatto di panna, basta stare attenti ai valori nutrizionali.

    • Avatar

      Ritengo buona la spiegazione è la risposta di Andrea . Mia opinione ho trovato sempre corrette le spiegazioni su tutti i prodotti , ovviamente il cliente sceglie aperatamente quello che gli interessa ed esprimere il parere sulla qualità. Vale su tutto anche sul no food ho avuto esperienze positive sulla Lindl ananche quando ho restituito un prodotto senza avere avuto problemi!!

  2. Avatar

    E le proteine del latte saranno mica sotto forma di latte in polvere?