Home / Etichette & Prodotti / Il vino con il marchio del supermercato è in continua crescita, ma i consumatori spesso non sanno di acquistarlo. Ecco alcune etichette

Il vino con il marchio del supermercato è in continua crescita, ma i consumatori spesso non sanno di acquistarlo. Ecco alcune etichette

carrefour bottiglie vino tralcio antico terre d'italiaDopo i vini biologici, le bottiglie che lo scorso anno hanno fatto registrare il più grande aumento nelle vendite sono quelle con il marchio del supermercato. Lo rivela una ricerca condotta da IRI per Vinitaly 2019, il salone internazionale dei vini e dei distillati che si tiene a Verona dal 7 al 10 aprile. Secondo il documento   i supermercati sono il luogo preferito dagli italiani per acquistare vini: nel 2018 i punti vendita della grande distribuzione hanno venduto 619 milioni di litri di vino per un giro d’affari di oltre un miliardo e 900 milioni di euro.

Le bottiglie con il marchio del distributore rappresentano  il 14% dei vini venduti nei supermercati, per un valore pari a oltre 150 milioni di euro. La crescita è costante: nel 2018 le vendite, spinte dai prezzi competitivi e dalla buona qualità, sono aumentate del 7% e ancora di più nel settore dei vini Doc e Docg (+8%). I vini con il marchio dei supermercati sono prodotti da cantine radicate sul territorio, anche importanti,   anche se sono etichettate con il marchio del distributore o con marchi di fantasia, tanto che spesso i consumatori non sanno nemmeno di acquistare vini private label.

coop iper vini bottiglie assieme fior fiore grandi vigneCarrefour, per esempio, propone i marchi “Tralcio Antico” e “Terre d’Italia”. Coop vende bottiglie di vino da tavola prodotti da cooperative con il marchio “Assieme” e 17 referenze di qualità medio-alta con il marchio “Fior Fiore”, imbottigliati da produttori importanti e in collaborazione con l’Associazione italiana dei sommelier. Iper da 13 anni propone il marchio “Grandi Vigne”, che comprende  80 tipologie di vino, prodotto da 35  cantine italiane, mentre Conad espone sugli scaffali  85 etichette diverse.

Nel mondo dei discount Penny Market propone tre marchi che comprendono  vini di qualità venduti con il brand “D’Alleramo” e da tavola distribuiti in tetrapack con il marchio “Archetto”, passando per gli spumanti “Rocca Merlata”.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Olio extravergine: fruttato, amaro, dolce, spremuto a freddo… tutti i segreti delle etichette nel dossier dell’Icqrf

“Leggere attentamente l’etichetta” è la frase che consigliano sempre gli esperti quando sono intervistati, lasciando …

3 Commenti

  1. Claudio Piccini

    La GDO dopo aver quasi distrutto gli altri settori agricoli italiani (soprattutto piccoli agricoltori) ora si butta sul vino…

    • Capisco e premetto che non sono del settore. Attualmente presso la GDO si possono acquistare bottiglie di vino che vanno da 2 Euro a 40 Euro, quindi mi va bene acquistare presso la GDO il vino per il consumo quotidiano e per le “grandi occasioni” anche perchè non sono un Enologo.

    • Concordo pienamente con il sig. Piccini, la maggior parte di quello che acquistano vino al supermercato sono gli stessi che al ristorante scelgono in base al prezzo o quelli che chiedono al cameriere “mi porta un bianco”. Tralasciando le bottiglie blasonate che ogni supermercato tiene per pubblicità, la restante parte è di qualità media con tendenza al basso. Purtroppo anche aziende che producevano buoni vini, ormai si sono ridotte a fare i numeri, perchè la GDO vuole quantità e prezzo basso che non vanno d’accordo con qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *