Woman is buying a bottle of wine in supermarket background vino alcolici supermercato
Secondo l’AHA i bevitori di vino non vengono informati su quanto zucchero e quante calorie ci sono nella bottiglia

Le proposte bocciate dall’Europarlamento però non sono però così infondate. Per rendersene conto basta leggere il report pubblicato dall’Alcohol Health Alliance (AHH) che rivela i risvolti critici dovuti alla carenza di informazioni nutrizionali sulle etichette. Lo studio diffuso in questi giorni ha analizzato 30 bottiglie di vino rosso, bianco, rosato, fruttato e frizzante di 10 marche leader nel Regno Unito. Si è così scoperto  che il vino può contenere da 0 g a 59 g di zuccheri liberi per bottiglia. C’è di più, solo il 20% delle etichette prese in esame riporta il contenuto calorico, mentre nessuna mostra la quantità di zucchero. Secondo l‘AAH in questo modo i bevitori non vengono informati su quante calorie ci sono.

Le linee guida del governo britannico raccomandano non più di 25 g di zuccheri liberi al giorno per un adulto (con un fabbisogno calorico da 2.000 kcal). È quindi possibile raggiungere quasi tutto il quantitativo bevendo due bicchieri di medie dimensioni scegliendo fra alcuni dei vini dolci più popolari sul mercato. Sir Ian Gilmore, presidente dell’AHA, ha dichiarato: “L’attuale esenzione dell’alcol dalle norme sull’etichettatura di cibi e bevande è assurda. Gli acquirenti che acquistano latte o succo d’arancia hanno contenuto di zucchero e informazioni nutrizionali a portata di mano. Ma queste informazioni non sono richieste quando si tratta di alcol, un prodotto che non solo alimenta l’obesità ma con danni alla salute diffusi e collegato a sette tipi di cancro”.

Va però ricordato che le regole britanniche sono diverse da quelle dell’Ue dove, a partire dal 1 gennaio 2023 (secondo quanto previsto dai regolamenti della nuova Politica Agricola Comune PAC 2023-2027 e al termine di un periodo transitorio nel quale i produttori avranno il tempo di adeguare i loro prodotti) anche le etichette del vino riporteranno i valori nutrizionali e la lista degli ingredienti.

© Riproduzione riservata; Foto: Depositphotos, AdobeStock

Il Fatto Alimentare da 12 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira