Home / Controlli e Frodi / Vino Chianti in polvere: le frodi impazzano online. Oltre 15 mila i casi individuati

Vino Chianti in polvere: le frodi impazzano online. Oltre 15 mila i casi individuati

red wine reclamo ChiantiSe andate all’estero potreste gustare un bel calice di Chianti in polvere o al mirtillo rosso, pagandolo però come se arrivasse dalle vigne destinate a produrre il rinomato vino DOCG. Si tratta solo di alcune delle numerose frodi ai danni del vino toscano denunciate dal Consorzio Vino Chianti. A scovare online i prodotti e le etichette contraffatte, gli abusi e le violazioni al marchio DOCG, ci pensa un’agenzia specializzata, la Griffeshield, che da due anni sta portando avanti, per conto del Consorzio, un’accurata attività di monitoraggio della rete e dei siti web dedicati.

Le “minacce” rintracciate dall’inizio del 2019 sono state oltre 15.600, di cui 10.700 rimosse. In particolate, la frode più diffusa con 6mila casi individuati, è rappresentata dai “wine kit”, preparati a base di polverine che permettono di fare il vino in casa, al costo di un euro a bottiglia. Seguono oltre 3mila casi di concorrenza sleale, ovvero falso Chianti spacciato per vero, e poco meno di 2mila violazioni del marchio commesse attraverso la commercializzazione di etichette contraffatte.

kit wine vino in polvere
Un esempio di kit per la preparazione domestica di vino o birra

Nonostante questi numeri da capogiro, la situazione rispetto al 2018 è migliorata, e le minacce sono in diminuzione. “Nel 2019 le violazioni individuate sono state un terzo rispetto all’anno precedente – commenta il presidente del consorzio Giovanni Busi -. Un netto calo, segno che il lavoro funziona. Ma è un dato che non ci permette di rilassarci: il lavoro di tutela del nostro brand e delle nostre aziende deve continuare in modo serrato e determinato perché i danni che queste truffe provocano sono milionari”.

Le piazze peggiori su cui intervenire, spiegano gli esperti, sono gli Stati Uniti e il Regno Unito, perché i truffatori sono numerosi e abili a scaricare la responsabilità a terzi. In questi due paesi il tasso di successo delle richieste di rimozione è pari soltanto al 91% in UK e al 78% negli USA. In Cina invece il tasso di successo è pieno (100%), visto che tutte le operazioni di invito all’interruzione dei comportamenti scorretti vanno a buon fine.

© RIproduzione riservata

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Prosciutto crudo san daniele

Prosciutto Parma e San Daniele: nelle nuove regole del Ministero c’è un conflitto di interessi per Anas

Il nuovo decreto sul prosciutto crudo 12390 del 5 dicembre 2019, firmato dal ministero delle …