Home / Controlli e Frodi / Vino Chianti in polvere: le frodi impazzano online. Oltre 15 mila i casi individuati

Vino Chianti in polvere: le frodi impazzano online. Oltre 15 mila i casi individuati

red wine reclamo ChiantiSe andate all’estero potreste gustare un bel calice di Chianti in polvere o al mirtillo rosso, pagandolo però come se arrivasse dalle vigne destinate a produrre il rinomato vino DOCG. Si tratta solo di alcune delle numerose frodi ai danni del vino toscano denunciate dal Consorzio Vino Chianti. A scovare online i prodotti e le etichette contraffatte, gli abusi e le violazioni al marchio DOCG, ci pensa un’agenzia specializzata, la Griffeshield, che da due anni sta portando avanti, per conto del Consorzio, un’accurata attività di monitoraggio della rete e dei siti web dedicati.

Le “minacce” rintracciate dall’inizio del 2019 sono state oltre 15.600, di cui 10.700 rimosse. In particolate, la frode più diffusa con 6mila casi individuati, è rappresentata dai “wine kit”, preparati a base di polverine che permettono di fare il vino in casa, al costo di un euro a bottiglia. Seguono oltre 3mila casi di concorrenza sleale, ovvero falso Chianti spacciato per vero, e poco meno di 2mila violazioni del marchio commesse attraverso la commercializzazione di etichette contraffatte.

kit wine vino in polvere
Un esempio di kit per la preparazione domestica di vino o birra

Nonostante questi numeri da capogiro, la situazione rispetto al 2018 è migliorata, e le minacce sono in diminuzione. “Nel 2019 le violazioni individuate sono state un terzo rispetto all’anno precedente – commenta il presidente del consorzio Giovanni Busi -. Un netto calo, segno che il lavoro funziona. Ma è un dato che non ci permette di rilassarci: il lavoro di tutela del nostro brand e delle nostre aziende deve continuare in modo serrato e determinato perché i danni che queste truffe provocano sono milionari”.

Le piazze peggiori su cui intervenire, spiegano gli esperti, sono gli Stati Uniti e il Regno Unito, perché i truffatori sono numerosi e abili a scaricare la responsabilità a terzi. In questi due paesi il tasso di successo delle richieste di rimozione è pari soltanto al 91% in UK e al 78% negli USA. In Cina invece il tasso di successo è pieno (100%), visto che tutte le operazioni di invito all’interruzione dei comportamenti scorretti vanno a buon fine.

© RIproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

prosciutto

Prosciuttopoli al Tg 3 Rai. Lo scandalo approda in tv. Decine gli imputati e le indagini vanno avanti

Per la prima volta in un telegiornale della Rai si parla di Prosciuttopoli. Il servizio, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *