Home / Recensioni & Eventi / “Veterinaria e mafie”: un libro che raccoglie le storie di contrasto alle mafie nella professione sanitaria

“Veterinaria e mafie”: un libro che raccoglie le storie di contrasto alle mafie nella professione sanitaria

veterinaria e mafie libro“Sono una veterinaria da molti anni. Quando ho conosciuto la professione minacciata dalle mafie credevo di sapere molto del nostro difficile e bellissimo lavoro. Ascoltando quei veterinari ho capito in fretta, e nel dolore, che c’era un mondo a cui nessuno dava voce, se non per brevi momenti di passerella, e per il quale nessuno si stava impegnando con la costanza della determinazione.” Si presenta così nelle prime pagine Eva Rigonat, l’autrice del libro “Veterinaria e mafie”.

Questo libro, nato dal progetto con la Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari e Illuminiamo la salute, è un incontro tra inchiesta e letteratura per raccontare di una professione “amata non solo da chi la esercita ma anche da chi guarda ad essa e ad essa si rivolge”, quella veterinaria. Rigonat, che si definisce “una raccoglitrice di storie”, racconta sette testimonianze autobiografiche di veterinari, necessariamente anonimi, facendo emergere i lati sconosciuti della professione soggetta al rischio di pressioni mafiose. A queste, seguono sette fiabe pensate per ragazzi accompagnate dalle illustrazioni di Sala Luisa De Villaris.

Dietro questo progetto troviamo anche Libera, Avviso Pubblico, Gruppo Abele e Coripe Piemonte, soggetti attivi da sempre nella lotta all’illegalità e alla corruzione. “Questo libro – conclude l’autrice – vuole raccontare di una professione veterinaria sconosciuta, vuole portare, alla consapevolezza di una società civile attenta, la loro condizione affinché la parola solidarietà esca dai salotti per diventare coscienza partecipata attraverso un sapere empatico che, più di altri, il racconto autobiografico è in grado di destare”.

Eva Rigonat, Veterinaria e mafie: raccolta di storie autobiografiche attorno alla resilienza di una professione, 2019, 209 pp. Disponibile al seguente link in formato pdf.

©Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

al giusto prezzo petizione oxfam lavoratori agricoli diritti

Pagare il giusto prezzo per cibo e bevande per fermare lo sfruttamento dei lavoratori agricoli: la richiesta di Oxfam ai supermercati italiani

Con le loro politiche, le catene di supermercati e discount sono in grado di tenere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *