Home / Etichette & Prodotti / Vendere il vino direttamente ai turisti europei comporta il raddoppio dei costi di spedizione. Una norma assurda da modificare

Vendere il vino direttamente ai turisti europei comporta il raddoppio dei costi di spedizione. Una norma assurda da modificare

alcolici coppe fluteSi avvicina il rendez-vous primaverile dei cultori di Bacco, il Vinitaly di Verona.  Migliaia di visitatori stranieri vengono  in Italia per conoscere le realtà produttive,  ma non potranno ordinare neppure un paio di cartoni ai viticoltori conosciuti in loco, perché quando il trasporto supera i confini nazionali raddoppiano i costi di spedizione.

 

Conoscere di persona chi produce il cibo che andrà sulle nostre tavole permette di apprezzare meglio il suo valore, comprendere una volta per tutte le stagioni e le campagne che è interesse di quasi tutti  preservare dal cemento. Ma il chilometro zero ha un limite territoriale, che non è un ossimoro ma un dato di fatto. Poiché un Friulano è friulano, non lo si trova in Campania e neppure in Provenza, al mercatino locale.

 

Per superare alcuni ostacoli c’è la vendita diretta a distanza. Basta una telefonata, un fax o una e-mail al produttore, e il consumatore può scegliere quale vino comprare, da quale produttore e in quale regione. Anche in questo modo si può stabilire una relazione di fiducia, tra la vigna e il bicchiere. Con l’ulteriore tutela offerta dalle regole varate dalla  Commissione europea per le vendite a distanza. Ma c’è un problema.

 

vino 87481359«Il problema – spiega il presidente della Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti (1) Costantino Charrère – riguarda il cittadino europeo che viaggiando in Italia assaggia alcuni vini e, rientrato nel proprio Paese, vuole ordinarli per uso personale direttamente al produttore. L’acquisto risulta complicato perché il vignaiolo deve appoggiarsi ad un rappresentante fiscale, con un aggravio di costi di trasporto considerevole». Per spedire 36 bottiglie di vino dal Veneto in Belgio, bisogna aggiungere ai 50 € circa per il trasporto altri 5 0 € per la burocrazia fiscale.

 

«La vendita del vino nell’UE è regolamentata dalla direttiva accise (2) – prosegue Charrère. La norma  è complessa, se un cittadino europeo compra il vino direttamente in un altro  Stato per uso personale  e lo trasporta con i suoi mezzi a casa propria deve pagare  un’accisa nello Stato in cui il vino è acquistato. Se però il vino viene spedito o trasportato  (direttamente o indirettamente) dal venditore vignaiolo, l’accisa va pagata nello stato membro di destinazione, e ciò comporta il passaggio per il rappresentante fiscale, ovvero il raddoppio delle spese».

 

vino 156721998La soluzione è dietro l’angolo, basta deciderla. La settimana dopo Pasqua, all’ordine del giorno della riunione di un apposito gruppo di lavoro Stati membri-Commissione (4), si discuterà della vendita diretta a distanza. Due sono le scelte che potrebbero essere adottate:

– fare in modo che le  vendite dirette di vino destinate ai privati cittadini all’interno dell’UE, paghino le accise nel Paese di origine,

– creare un sistema di compensazione che permetta al produttore di vino di pagare le accise dello Stato membro di destinazione, senza dover passare attraverso un rappresentante fiscale.

 

Dario Dongo

©Riproduzione riservata

Foto: Photos.com

 

(1) FIVI, Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti www.fivi.it  , membro di CEVI (‘European Confederation Winegrowers Independent’), www.cevi_eciv.eu

(2) Direttiva 2008/118/CE 16, sul regime fiscale delle accise

(3) Entro un limite di 90 litri di vino fermo, o 60 litri di vino spumante

(4) Direzione Generale TAXUD

  Dario Dongo

Dario Dongo
Avvocato, giornalista. Twitter: @ItalyFoodTrade

Guarda qui

Diet food concept - cake with sign sugar free

I cibi “senza” non crescono più: calano i prodotti senza conservanti, salgono quelli senza zuccheri aggiunti. I dati dell’Osservatorio Immagino

Battuta di arresto per i prodotti ‘senza’, una delle tendenze di maggior successo degli ultimi …

2 Commenti

  1. Io sono un produttore di un prodotto agroalimentare dop, per spedire 100 kg dei miei prodotti a Napoli (circa 650 km)spendo 22 euro, per spedirli a Marsiglia (circa 590 km) spendo 120 euro. Dogane aperte, libera circolazione delle merci… questo frena molto l’export dei nostri prodotti!

  2. Sicuramente la situazione è alquanto complessa. Se legislativamente non vi è alcun impedimento alla vendita anche di poche bottiglie al singolo cliente estero, di fatto la burocrazia è così costosa e complessa da far desistere ogni possibile vendita in tal senso.

    Ci auspichiamo una maggiore semplificazione che ci consentirebbe (anche noi come venditori online) di aprire finalmente questo mercato di estremo interesse.

    C’è qualche link dove è possibile seguire i lavori del gruppo della commisione Europea ?