Home / Etichette & Prodotti / Usa: obbligo di etichetta nutrizionale per i fast-food. In Italia McDonald’s lo fa già ma non basta!

Usa: obbligo di etichetta nutrizionale per i fast-food. In Italia McDonald’s lo fa già ma non basta!

La nuova legge sanitaria approvata dal Senato americano prevede che le catene di ristoranti con più di 20 locali dovranno informare i consumatori sul contenuto di calorie e nutrienti dei prodotti. Lo schema verrà redatto al più presto dalla Food and Drug Administration e sarà esteso a tutti gli Stati. Il provvedimento interessa più o meno 200 mila fast-food.

Molte catene in America forniscono già questo tipo di informazioni su manifesti esposti all’interno dei ristoranti o su siti web. In futuro le informazioni dovranno essere indicate a fianco del menù o in un pamphlet, in modo che i consumatori possano vedere bene i valori nutritivi di cosa ordinano.

Il progetto prevede l’esenzione per i cibi occasionali presenti nei locali per meno di 60 giorni, mentre estende l’etichettatura anche ai cibi esposti nei distributori automatici, quando i valori non sono ben visibili sul frontespizio della confezione. L’etichetta è importante soprattutto in un paese come gli Stati Uniti dove le calorie di un “caffè” oscillano da 20 a 800, e quelle di un hamburger da 250 a 1000.

Da noi il problema non si pone perché catene di fast-food da tempo offrono nei siti internet tutte le informazioni. I siti di McDonald’s e Burger King sono molto chiari e permettono di calcolare in modo divertente i valori nutrizionali .

McDonald’s in questi giorni a Milano distribuisce anche un depliant dove riporta tutte queste informazioni (vedi foto). Il volantino esordisce con la frase “7 regole d’oro per uno stile di vita sano e attivo”. L’iniziativa è lodevole ma servirà poco a contenere l’obesità dei giovani.

Pochi giovani sanno che nei fast food si può consumare un pasto equilibrato composto da insalata e frutta allo stesso prezzo del classico hamburger, Coca-cola e patatine. I conti sono presto fatti: un hamburger piccolo insieme a insalata, yogurt, frutta e acqua minerale costa (5,90 €) e copre il 22% del fabbisogno calorico. Con lo stesso importo (5,90 €) si può mangiare un pasto completo composto da Big Mac, Coca-Cola e patatine medie (1100 kcal pari a 55% del fabbisogno giornaliero). Il problema è che la maggior parte dei clienti spende 1,30 € in più e sceglie il pasto pantagruelico da 1580 kcal, che copre quasi l’80% dell’apporto energetico giornaliero. La vera trappola è dare la possibilità ai clienti di comprare 500 calorie in più con solo 1,30 €.

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Close up photo of charming lovely hipster playing with cakes pies candies in kitchen preparing for birthday dressed in white woolen pullover isolated over colorful background

Ma esiste davvero un biscotto sano? Altroconsumo analizza 168 prodotti tra frollini, biscotti secchi, integrali e ‘senza’

C’è chi i biscotti preferisce mangiarli a colazione, chi li accompagna al classico tè delle …