;
Home / Benessere animale / Uova di galline non allevate in gabbia, nuovi impegni per Kentucky Fried Chicken, Pizza Hut, Taco Bell

Uova di galline non allevate in gabbia, nuovi impegni per Kentucky Fried Chicken, Pizza Hut, Taco Bell

uovaAnimal Equality, insieme a una coalizione di oltre 75 organizzazioni no profit, ha convinto la catena di fast food Kentucky Fried Chicken (KFC), ad adottare una policy in modo da utilizzare solo uova provenienti da galline non allevate in gabbia (cage free). La decisione è stata presa da Yum! Brands, la multinazionale che conta quasi 50 mila sedi a livello globale considerando anche i marchi di sua proprietà come Pizza Hut, Taco Bell e The Habit Burger. Il progetto diventerà operativo per la maggior parte delle sue sedi entro il 2026 ed entro il 2030 su scala globale. Gli allevamenti in gabbia confinano le galline in postazioni minuscole dove ogni individuo vive in uno spazio vitale pari ad un foglio di carta A4. Prima di rendere ufficiale quest’impegno, solo la catena Taco Bell aveva completato la transizione cage free in Nord America impegnandosi ad usare uova non provenienti da allevamenti in gabbia anche in Europa. Il 26 agosto di quest’anno, inoltre, la società aveva rilasciato una policy cage free per gli Stati Uniti, l’Europa occidentale e altri mercati leader.

La nuova policy globale rilasciata oggi da Yum! Brands certifica l’impegno da parte dell’azienda a rifornirsi solo da uova e ovoprodotti al 100% cage-free in oltre 150 Paesi. La multinazionale ha inoltre accettato di fornire aggiornamenti su base annuale per assicurare la propria trasparenza. Questa campagna è stata guidata dalle organizzazioni che aderiscono alla Open Wing Alliance, una coalizione internazionale che lavora per il benessere di polli e galline confinati negli allevamenti intensivi di tutto il mondo. L’iniziativa ha visto migliaia di attivisti da tutto il mondo partecipare ad azioni digitali di grande impatto per convincere l’azienda a prendere la decisione. Proteste dal vivo sono state realizzate anche in Italia, Serbia, Nigeria, Taiwan. Poiché la domanda dei consumatori di uova cage free continua a crescere, anche altre aziende stanno abbandonando l’uso delle gabbie. Impegni internazionali sono stati già presi da: Unilever, Nestlé, Aldi, Barilla, Restaurant Group International, InterContinental Hotels, Sodexo, Mondelez, Compass Group, Shake Shack, Famous Brands, Costa Coffee.

© Riproduzione riservata Foto:

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Feeding dairy cows in a farm

Grana Padano: maltrattamenti negli allevamenti. Presto un sistema per misurare il benessere

Da qualche giorno su You Tube e su altri social gira un video realizzato da …

Un commento

  1. Avatar

    “Animal Equality” e’ una grande associazione ,garanzia di attivismo e azione , atta a migliorare il benessere degli animali anche a livello internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *