Home / Recensioni & Eventi / “L’Umbria dei mulini ad acqua”: un volume storico, geografico e turistico che spiega le usanze del’epoca e il valore nel territorio

“L’Umbria dei mulini ad acqua”: un volume storico, geografico e turistico che spiega le usanze del’epoca e il valore nel territorio

L'umbria dei mulini ad acqua
L’Umbria dei mulini ad acqua descrive il valore di queste strutture nelle usanze dell’epoca e nel contesto del territorio.

“L’Umbria dei mulini ad acqua” è un imponente volume edito da Quattroemme e sviluppato a cura di Alberto Melelli e Fabio Fatichenti. All’interno troviamo l’apparato iconografico di Bernardino Sperandio accanto a vecchie foto riesumate dagli archivi. Il libro è suddiviso in una prima parte storica e metodologica, nella quale si traccia un contesto, si spiega il valore dei mulini nelle usanze dell’epoca e il valore nel contesto del territorio.

 

Il mulino viene  definito il “signore del Medioevo” per le sue capacità di far gravitare attorno a lui il fulcro delle attività feudali. La parte iniziale del libro chiude con la letteratura, le fonti, l’ingegneria e gli aspetti tecnici dei mulini.Oltre all’aspetto storico, anche quello geografico acquista importanza essendo ora parte integrante delle bellezze architettoniche. In questa logica  paesaggio nell’ultima parte del volume è possibile trovare una guida per viaggiare alla scoperta dei mulini idraulici.

 

mulini ad acqua
L’apparato iconografico del libro e ricchissimo e affascina il lettore

La seconda parte riguarda le  strutture dell’Umbria, e descrive le attività attraverso un percorso tra archivi e ricerche. Ogni autore ha portato un suo contributo prediligendo o il vissuto storico, o le componenti ingegneristiche o ancora la situazione in cui si trova il mulino. Ciascuna struttura è stata inquadrata all’interno di una delle aree geografiche dell’Umbria, proprio perché le diversità emergono in funzione degli aspetti idrografici, geolitologici e oromorfologici. Questa parte è preceduta da una attenta descrizione dell’ambito umbro di riferimento. L’apparato iconografico ricchissimo e affascina il lettore, così come la possibilità di far fruttare la consapevolezza di quanto appreso in un viaggio per l’Umbria con una prospettiva differente.

Sara Rossi

© Riproduzione riservata

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

tutto bio 2019 annuario biologico copertina

Tutto bio 2019, è arrivata la 25° edizione dell’annuario del biologico: perché “Non c’è Bio senza Trend”

È arrivato Tutto bio 2019, l’annuario del biologico che quest’anno è giunto alla 25° edizione …