Home / Packaging / Il governo inglese annuncia un deposito con cauzione per bottiglie di plastica e lattine. Quasi un quarto non viene ancora riciclato

Il governo inglese annuncia un deposito con cauzione per bottiglie di plastica e lattine. Quasi un quarto non viene ancora riciclato

woman buys a bottle of water in the storeIl governo inglese ha annunciato che introdurrà entro la fine dell’anno, dopo una consultazione pubblica, un deposito per le bottiglie monouso in plastica, vetro, e per le lattine. La decisione è finalizzata ad aumentare le percentuali di riciclaggio. Su un totale di circa 13 miliardi di bottiglie di plastica che vengono usate ogni anno nel Regno Unito, ce ne sono tre miliardi che non vengono riciclate ma finiscono negli inceneritori, in discarica oppure sono  abbandonati, andando a inquinare suolo e mare.

Il governo di Londra afferma che sistemi di vendita con il versamento della cauzione per ogni  bottiglia monouso sono già applicati con successo in paesi come Svezia, Danimarca e Germania.  Il costo varia da 8 pence in Svezia a 22 pence in Germania. Le possibili varianti di un sistema di restituzione dei depositi comprendono anche premi in denaro per la riconsegna dei contenitori senza un deposito anticipato.

La restituzione dei vuoti non dovrebbe avvenire necessariamente attraverso i negozi ma anche grazie ad una rete di “distributori automatici inversi”, in cui si inserisce la bottiglia di plastica o di vetro, o la lattina, e la macchina restituisce i soldi. A quel punto sono le aziende a essere responsabili del riciclaggio di bottiglie e lattine. In Germania questa politica ha portato ad un tasso di riciclaggio del 97%.

Il ministro dell’Ambiente Michael Gove sottolinea che quello sulle bottiglie è l’ultima mossa del governo britannico nella lotta alla plastica, dopo il divieto delle microsfere nei cosmetici e la tassa di 5 pence sui sacchetti, che ha avuto come risultato la riduzione di nove miliardi di sacchetti.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

stoviglie posate piatti bicchieri plastica monouso usa e getta scaffali carrello

Plastica monouso addio: Unicoop Firenze toglie dagli scaffali stoviglie e posate usa e getta dal 1° giugno 2019

Mancano meno di due anni al bando delle stoviglie e altri oggetti in plastica monouso, …

2 Commenti

  1. mah???
    per eliminarle basta non produrle.

    • Ah beh si certo, e se io voglio bermi una birra? Un’aranciata? Qualsiasi cosa? Faccio un saltino direttamente in fabbrica e la bevo a canna? Oppure facciamo delle linee di distribuzione di qualsiasi prodotto fino a casa?