Home / Controlli e Frodi / Truffa olio extra vergine: l’Antitrust avvia 7 istruttorie per verificare autenticità dell’olio

Truffa olio extra vergine: l’Antitrust avvia 7 istruttorie per verificare autenticità dell’olio

olio carapelli sasso bertolli
Truffa olio extra vergine: Antitrust avvia 7 istruttorie

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Antitrust) ha avviato sette istruttorie per presunte pratiche commerciali scorrette, nei confronti di alcune importanti aziende che commercializzano olio in Italia.Il procedimento interessa oltre ai tre marchi del Gruppo Carapelli (“Carapelli Il frantoio”, “Bertolli Gentile” e “Sasso Classico”), anche l’olio extra vergine “Carrefour Classico”, il prodotto “Cirio 100% italiano”, la marca “De Cecco Classico”, insieme a “Prima donna Lidl”, “Pietro Coricelli Selezione” e “Santa Sabina”.

La segnalazione prende spunto dai test condotti dal laboratorio chimico dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli secondo cui  le caratteristiche organolettiche e chimiche dei campioni di olio sottoposti a verifica sarebbero risultate inferiori ai valori previsti per qualificare l’olio come extra-vergine di oliva. Tutto ciò potrebbe configurare  pratiche commerciali scorrette in relazione alle indicazioni riportate sulle etichette e nelle campagne pubblicitarie, trattandosi di prodotti che non corrispondono alle caratteristiche qualitative dichiarate e quindi  suscettibili di indurre in errore i consumatori.

Di seguito il test pubblicato dalla rivista Test  che ha dato origine alle indagine dell’Antitrust.

olio test
Monini GranFruttato è risultato il migliore del test. Promossi con un punteggio inferiore anche Carapelli 100% Oro verde italiano, Coop, Colavita 100% italiano e Monini classico.

Il secondo numero della rivista Test ha preso in esame 20 bottiglie di olio extra vergine  declassandone quasi la metà a olio vergine per la presenza di difetti organolettici e di alcuni parametri chimici critici. Le prove sono state condotte dal laboratorio chimico di Roma dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, uno dei più qualificati in Italia. La norma sull’olio dal 1991 prevede che per meritare  l’appellativo di extra vergine il prodotto non deve  presentare difetti  normativa e superare la prova del panel test, obbligatoria per legge.  Contrariamente a quanto viene da pensare l’esame organolettico è una prova che non lascia spazio a dubbi interpretativa ed è fondata su solidi principi. L’esito del test è poco entusiasmante visto che nove campioni su 20 non hanno superato la prova di assaggio condotta dal  laboratorio che ha riscontrato troppi difetti.

olio test
La rivista Tet ha promosso anche Farchioni, Conad classico, Antica badia Eurospin, Sagra il classico, Costa d’Oro extra e San Giorgio

olio extra

                                      

La lista inizia con un difetto chiamato riscaldo-morchia riscontrato nelle bottiglie: Santa Sabina, Coricelli, Cirio 100% Italiano, Frantolio Carapelli e Prima donna della catena Lidl.

Il difetto di rancido è stato riscontrato nell’olio De Cecco, Bertolli Gentile e Carrefour.

Il difetto di muffa e umidità terra ha interessato l’olio Sasso.

olio extra test
Le prove di laboratorio condotte dalla rivista test hanno declassato Santa Sabina, Carrefour classico, Cirio 100% italiano, Prima donna Lidl

L’attribuzione anche di una sola nota negativaprecisa la rivista – ha automaticamente decretato il declassamento  dalla categoria “extravergine” a quella inferiore di “vergine” che viene pagato all’ingrosso il 30-40% in meno. La prova chimica degli etil esteri ha indirettamente confermato le criticità riscontrante nella prova di assaggio. Non è la prima volta che l’extra vergine italiano scivola.

olio test
Le prove di laboratorio della rivista Test hanno declassato: Pietro Coricelli selezione, Bertolli gentile, De Cecco classico, Sasso classico e Carapelli il frantoio

Nel 2005, la rivista Merum, dopo due prove d’assaggio aveva stabilito che ben 30 su 31 campioni erano stati erroneamente denominati extravergine in quanto “puzzavano di rancido”.Nel gennaio 2010, un test comparativo svolto dalla trasmissione A bon entendeur sul canale svizzero Tsr, attribuì giudizi molto deludenti ad alcuni prestigiosi marchi tricolore.

olio test
La rivista Test pubblica sul numero di giugno 2015 un test sull’olio extra vergine di oliva

Alcuni mesi dopo arrivò la bocciatura del panel test dell’Olive Center dell’Università di California di Davis: declassati a vergini i campioni di Carapelli, Bertolli, Colavita e Filippo Berio. Passa poco tempo e nel 2012 un test condotto dal mensile francese 60 Millions de Consommateurs declassa a vergini alcuni prodotti, tra i quali il Carapelli Classico.

 

 

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Il gazzettino prosciuttopoli

Prosciutto di San Daniele a settembre il processo a Pordenone. Prime ammissioni e riti abbreviati all’udienza preliminare

Mentre a Parma il Procuratore generale sta valutando come affrontare la seconda fase di Prosciuttopoli …

2 Commenti

  1. c’è un controsenso nei servizi,guaraniello contro olio antica badia,la rivista tet lo ha promosso.Come si spiega????cordiali saluti.

    • Roberto La Pira

      Le analisi fatte su un campione non necessariamente sono uguali a quelle fatte su un altro lotto dello stesso marchio magari prelevato 6 mesi dopo soprattutto se la criticità come nel caso evidenziato in questi giorni riguarda la prova organolettica( si tratta di olio di oliva ma di categoria inferiore probabilmente). Questo succede perché l’olio extra vergine non DOP è ottenuto da miscele di vari lotti provenienti da aree e zone diverse. E l’olio non è sempre lo stesso. Sarebbe come dire che le arance provenienti da aree diverse ma limitrofe della Sicilia pur essendo della stessa specie e della stessa annata devono essere identiche. Per questo i risultati possono differire, anche se l’azienda cerca di mantenere sempre il medesimo gusto e sapore dell’olio imbottigliato pur utilizzando lotti diversi.