Home / Supermercato / Torino: come risparmiare 1.100 euro al supermercato. Nella classifica di Altroconsumo il più conveniente è Mercatò

Torino: come risparmiare 1.100 euro al supermercato. Nella classifica di Altroconsumo il più conveniente è Mercatò

supermercato spesa casseSe a Milano la convenienza è soprattutto a firma Esselunga, a Torino, sempre secondo l’annuale indagine di Altroconsumo, è Mercatò a guadagnarsi le prime posizioni. Ecco dunque la classifica stilata dall’associazione dei consumatori sui supermercati più convenienti della capitale sabauda.

Sono 36 i punti vendita presi in considerazione nel capoluogo piemontese e a conquistarsi il titolo di supermercato più conveniente è stato Mercatò di via Sandro Botticelli, registrando un risparmio massimo di 1.134 €.

supermercati convenienti torino altroconsumo 2019
La classifica di Altroconsumo dei supermercati più convenienti di Torino (Fonte: indagine Altroconsumo)

Al secondo posto, con quattro punti percentuali di distanza, troviamo appaiati tre Mercatò (via P. Gaidano, via M. Voli e via Carso) e Esselunga Superstore di Corso Traiano. Salgono invece sul terzo gradino del podio, con un ulteriore distacco di un punto dalla prima posizione, due Ipercoop (via Livorno e al certro commerciale “Le Fornaci”) e, ancora una volta, Mercatò (Corso Unione Sovietica).

All’estremità opposta della classifica con una differenza di spesa pari al 21% rispetto al punto vendita più conveniente si trova il Carrefour Market di via Cristoforo Colombo. Poco meglio fanno altri due Carrefour Market (Corso Carlo e Nello Rosselli e via Madama Cristina).

Il posizionamento delle altre catene è consultabile sul sito di Altroconsumo.

©Riproduzione riservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

coronavirus supermercato mascherina guanti spesa

Spesa e coronavirus: tutte le precauzioni per gli acquisti secondo l’Istituto superiore di sanità

La fase 2 è ormai alle porte, ma anche se avremo maggiori libertà di movimento, …

Un commento

  1. Avatar

    Non è l’appartenenza ad una catena, ma è la localizzazione del punto vendita, non capisco perchè non lo facciano emergere, salvo pensar male. E’ chiaro che un punto vendita in una zona ricca è più caro sia per prezzi praticati che per tipo di merce venduta. E poi ci sono anche i supermercati/discount in zone dimenticate che esistono solo in funzione di logiche globali…