;
Home / Etichette & Prodotti / Greenpeace chiede al tonno Riomare di diventare amico dell`ambiente. L`azienda pubblicherà a breve la sua politica di sostenibilità

Greenpeace chiede al tonno Riomare di diventare amico dell`ambiente. L`azienda pubblicherà a breve la sua politica di sostenibilità

La campagna di Greenpeace per un tonno in scatola sostenibile sta dando i suoi frutti: da oggi anche Morrison, una delle più importanti catene di supermercati inglesi, si impegna a usare entro il 2013 solo tonno pescato con metodi “ortodossi”. Ecco una dimostrazione tangibile di come, se le richieste dei consumatori cambiano, le aziende si adeguano e  cominciano a vedersi gli effetti positivi anche sull’ambiente.

Non è il primo successo. Un mese fa la marca di tonno più importante sul mercato inglese, Princess, del colosso giapponese Mitsubishi, è capitolata davanti alle richieste di Greenpeace.  Anche Princess ha delineato la nuova strategia: solo tonno pescato con metodi sostenibili entro il 2014 e appoggio alla creazione di riserve marine interdette alla pesca, fondamentali per garantire un futuro alle risorse.

Benissimo, ma in Italia cosa succede? A più di un anno dalla classifica Rompiscatole, promossa dall’associazione ambientalista, sono stati fatti dei passi avanti ma senza arrivare a un prodotto “verde”, 100% sostenibile. Nelle scatolette che acquistiamo continua a finire tonno proveniente da stock sovrasfruttati e pescato con metodi poco selettivi come i FAD, che oltre a uccidere migliaia di squali, razze e altri animali marini, stanno contribuendo alla distruzione delle risorse catturando tonnellate di esemplari giovani di tonno pinna gialla e obeso.

Sul sito di Greenpeace leggiamo un appello: “E’ ora che aziende leader sul nostro mercato, come Bolton Alimentari, produttrice del tonno Riomare, dimostrino di voler cambiare con i fatti e non solo a parole. Il tonno “che si taglia con un grissino” pubblicherà a fine aprile la propria politica di sostenibilità. Dopo mesi di attesa, ci si aspettia che la nuova politica non sia solo uno specchietto per le allodole, ma contenga impegni concreti a utilizzare solo tonno pescato con metodi sostenibili e a sostegno della creazione di riserve marine, così come fatto da Princess”.

E ancora: “Una decisione di Bolton potrebbe davvero fare la differenza. Si tratta, infatti, di una delle aziende più grandi sul mercato europeo, presente con i suoi prodotti in oltre 30 Paesi, e leader indiscusso nel nostro con i marchi Riomare, Alco e Palmera”.  

Davanti al fallimento delle politiche internazionali nel proteggere i nostri oceani, il mondo ambientalista ripone le sue speranze sul settore privato sono fondamentali e sul potere dei consumatori.  

 

Per approfondire:

http://www.ilfattoalimentare.it/tonno-in-scatola-greenpeace-boccia-le-marche-italiane.html?searched=tonno+scatola+greenpeace&advsearch=oneword&highlight=ajaxSearch_highlight+ajaxSearch_highlight1+ajaxSearch_highlight2+ajaxSearch_highlight3

http://www.ilfattoalimentare.it/tonno-accuse-di-greenpeace-a-star-e-nostromo.-rinnovato-lappello-contro-lo-sfruttamento-esagerato-della-pesca.html?searched=tonno+greenpeace+accuse&advsearch=oneword&highlight=ajaxSearch_highlight+ajaxSearch_highlight1+ajaxSearch_highlight2+ajaxSearch_highlight3

 

Avatar

Guarda qui

origine, cibo italiano bandiera

Gli italiani lo fanno meglio? La questione dell’origine nei nostri prodotti più diffusi

Sempre più spesso troviamo sulle confezioni dei prodotti alimentari un’indicazione  che indica l’impiego di materia …