Home / Allerta / Thermos cinesi con pasticche di amianto: dieci sequestri dal mese di ottobre 2014. L’elenco delle marche ritirate dal mercato e il segreto per riconoscerle

Thermos cinesi con pasticche di amianto: dieci sequestri dal mese di ottobre 2014. L’elenco delle marche ritirate dal mercato e il segreto per riconoscerle

thermos cinesi
Uno degli ultimi thermos cinesi con amianto sequestrati
thermos linea casa Teo
Thermos cinese marchiato Linea casa Theo sequestrato per presenza di amianto

«Con i thermos cinesi siamo arrivati al  decimo sequestro in pochi mesi – spiega un esperto di sicurezza alimentare che dal 2006 segue questa vicenda. – Gli ultimi due interventi risalgono alla settimana scorsa. Il motivo è sempre lo stesso, la presenza di pasticche di amianto utilizzate per garantire l’isolamento termico ed evitare la rottura del vetro».

 

I thermos cinesi destinati a contenere liquidi e altri alimenti, anche se pericolosi, sono regolarmente venduti nei negozi di casalinghi e nei supermercati e si riconoscono perché svitando l’involucro esterno, si nota in trasparenza all’interno, una pasticca di amianto rotonda di colore grigio chiaro, posta come distanziatore tra le due pareti (vedi foto sotto).

Il ruolo della pastiglia è decisivo perché assorbe il calore ed evita il surriscaldamento che porterebbe alla rottura del vetro. I prodotti europei non potendo usare l’amianto devono per forza di cose ricorrere ad un’anima in acciaio.

 

thermos cinese
Nella foto la pasticca di amianto collocata all’interno della camera d’aria di vetro

In Italia la commercializzazione e l’importazione di prodotti che contengono amianto, anche solo in piccole parti, è vietata, trattandosi di un materiale classificato come cancerogeno. In Cina l’uso di amianto per alcuni oggetti è consentito e quindi questi oggetti possono essere prodotti ed esportati.

 

I thermos, in genere, riportano la marca dell’importatore e l’indicazione dell’origine sul fondo attraverso un’etichetta adesiva con la dicitura “made in RPC”, sigla che sta per Repubblica Popolare Cinese.

 

thermos cinesi amianto
Ecco la pasticca di amianto visibile in trasparenza collocata all’interno della camera d’aria di vetro

Una nota del Ministero della salute precisa che il pericolo per i consumatori si registra unicamente in caso di rottura e invita comunque chi l’avesse acquistato a riportare l’oggetto presso il punto vendita per il rimborso.

In caso di rottura accidentale il Ministero della sanità consiglia di non toccare la pastiglia di amianto, mettere tutto in un sacchetto e avvisare l’azienda municipalizzata competente per lo smaltimento. Le foto sotto mostrano alcuni dei modelli sequestrati negli ultimi mesi.

 

Sara Rossi

© Riproduzione riservata

 

termos ab.midea
Thermos cinesi con amianto sequestrati negli ultimi mesi
Thermos
Modello di thermos cinese sequestrato negli ultimi mesi
thermos cinese
Thermos cinese marchiato Home sequestrato poche settimane fa per presenza di amianto
thermos cinese
Thermos cinese marchiato Polo nord sequestrato poche settimane fa per presenza di amianto
thermosi cinese Sonda warehouse
Thermos cinese marchiato Sonda warehouse sequestrato poche settimane fa per presenza di amianto
thermos cinese sonda warehouse
Thermos cinese marchiato Sonda warehouse sequestrato poche settimane fa per presenza di amianto
C_17_sostanzePericolose_440_immagini_immagine_1_immagine
Etichetta del thermos cinese marchiato Sonda warehouse sequestrato poche settimane fa per presenza di amianto
thermos cinese
Trade City Import è la marca dell’ultimo thermos cinese sequestrato poche settimane fa

 

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Diossina in tranci di tonno dalla Croazia e mercurio in pesce spada spagnolo… Ritirati dal mercato europeo 109 prodotti

Nella settimana n°23 del 2019 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …