Home / Lettere / I taralli tipici e tradizionali dell`Italia meridionale serviti sui voli Alitalia sono preparati con olio non idrogenato di palma

I taralli tipici e tradizionali dell`Italia meridionale serviti sui voli Alitalia sono preparati con olio non idrogenato di palma

Un lettore ci segnala una piccola anomalia riscontrata su un volo Alitalia. Si tratta dei Taralli di Nonna Mariangela offerti ai passeggeri per rendere più gradevole il viaggio.

 

L’aspetto critico è che i Taralli, descritti come un prodotto tipico e tradizionale dell’Italia meridionale, ispirati probabilmente a un tipo di pane chiamato Daratos diffuso nell’antica Grecia, sono preparati con olio vegetale di palma non idrogenato.

 

 

 

I taralli sono anche buoni, ma cosa c’entra l’olio di palma in un prodotto alimentare siciliano presentato come tipico e tradizionale?

 

Luigi

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Dieta a crudo per cani e gatti: la riflessione di un veterinario che chiarisce alcuni punti

Pubblichiamo di seguito il commento di un medico veterinairo, Valerio Guiggi, che ci ha scritto …

6 Commenti

  1. Avatar

    nell’articolo si riporta olio vegetale di palma: perchè esiste anche un olio minerale di palma? non credo che sia lecito usare oli minerali negli alimenti! qualcuno mi può aiutare a fugare tale dubbio?
    ringrazio anticipatamente

  2. Avatar

    la dicitura vegetale è messa per precisare che l’olio di palma è vegetale e non animale, questo tranquillizza il consumatore che pensa che gli oli vegetali, a differenza di quelli animali, fanno bene. Il problema è che l’olio di palma è ricco di acidi grassi saturi come i grassi vegetali!

  3. Avatar
    www.bontapugliese.it

    Salve, non sono il produttore dei taralli â

  4. Avatar

    @bontapugliese: sono d’accordo con te con il discorso della politica di prezzo da parte di Alitalia. E d’altra parte non mi risulta ci siano divieti particolari nell’utilizzo di olio di palma nei taralli pugliesi, non essendo un prodotto tutelato.

  5. Avatar

    Anche io produco taralli e pur non utilizzando nè olio di palma nè olio di sansa, concordo con quanto detto da bontapugliese. E’ il cliente che sceglie il prodotto e le relative caratteristiche tecniche. Sapete che i taralli hanno all’incirca la stessa quotazione di mercato che avevano nel 2000….quando c’era ancora la lira? Non è giustificativo….ma se qualcuno fosse disposto a pagare di più (e a guadagnare meno) i produttori di taralli non prenderebbero l’olio di palma nemmeno in cosiderazione.

  6. Avatar

    La critica fatta dal lettore è che si spaccia per "tradizionale" un prodotto fatto con ingredienti non "tradizionali" quali appunto l’olio di palma. La Puglia è famosa per l’olio d’oliva..non per quello di palma.