Home / Archivio dei Tag: change.org

Archivio dei Tag: change.org

La petizione: basta giocattoli di plastica nei menù per bambini di McDonald’s e Burger King. Lo chiedono due bambine

fast food bambini

Maria Montessori sosteneva che “il gioco è il lavoro dei bambini”, quindi, diremmo noi, i giocattoli sono i loro utensili. Attraverso il gioco il bambino sviluppa nuove capacità, incrementa la curiosità, conosce sé stesso e ciò che lo circonda, insomma impara e cresce. Forse anche McDonald’s e Burger King hanno studiato gli insegnamenti Montessori, e per questo offrono i giocattoli …

Continua »

Educazione alimentare in tutte le scuole: la petizione di un lettore su change.org

Educazione alimentare in tutte le scuole: è partita una petizione online su change.org. A lanciarla è Lorenzo Montemagno Ciseri, docente di Scienza e Cultura dell’Alimentazione di scuola secondaria superiore e lettore de Il Fatto Alimentare. “I nostri ragazzi soffrono di analfabetismo alimentare, nonostante siano bombardati da ogni lato da trasmissioni che parlano di cibo e da reality sulla cucina. In …

Continua »

La campagna contro l’invasione dell’olio di palma è stata una vittoria. Abbiamo convinto le aziende ad abbandonare l’olio tropicale

A distanza di due anni dalla campagna di informazione contro l’invasione dell’olio di palma e dalla petizione lanciata su Change.org da Il Fatto Alimentare e Gift (Great Italian Food Trade) l’Italia sta diventando il primo paese europeo palm free. Abbiamo fatto tutto da soli, visto che Coldiretti, Greenpeace e Altroconsumo non hanno voluto condividere il progetto. In due anni abbiamo …

Continua »

Stop all’olio di palma nei biscotti Mulino Bianco, un padre lancia una nuova petizione rivolgendosi a Barilla

“Barilla potrebbe sostituire l’olio di palma con altri prodotti non dannosi per l’ambiente, ottenendo grandi benefici di immagine, risultando coerente con UN MONDO BUONO che reclamizza”. È questa la richiesta formulata da Massimiliano Sezanne con una petizione lanciata su Change.org che in pochi giorni ha raccolto oltre  7.000 firme.  Basta fare scorrere sul nostro sito la lista degli oltre 220 tra biscotti …

Continua »

Raccolte 150 mila firme contro l’invasione dell’olio di palma. Adesione di supermercati e aziende che cambiano le ricette

150 mila persone hanno firmato la petizione per limitare l’invasione dell’olio di palma nei prodotti alimentari. Il traguardo è stato raggiunto dopo sette mesi. In questo periodo abbiamo spiegato i motivi della nostra petizione alle aziende e alle catene di supermercati e molte persone hanno smesso di comprare prodotti con olio di palma. La conferma di questo nuovo comportamento è …

Continua »

Arrivate le magliette per sostenere la campagna contro l’invasione dell’olio di palma. 100% in cotone biologico, equo e solidale e prodotte da energia green

Sono arrivate le magliette “Stop palm oil” contro l’invasione nei prodotti alimentari dell’olio di palma. A sostegno della campagna lanciata su Change.org da Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade che ha superato le 110 mila firme, si possono acquistare online sulla piattaforma Worth Wearing le nuove t-shirt in diversi colori e taglie. Il Fatto Alimentare dice “no” all’olio di palma …

Continua »

Olio di palma: perché l’ingrediente misterioso presente in tantissimi prodotti alimentari, non si trova nei supermercati? Nessuno lo comprerebbe! La petizione supera le 110 mila firme

Dopo avere promosso insieme a Great Italian Food Trade una petizione su Change.org contro l’invasione dell’olio di palma che ha raccolto oltre 110 mila firme, e aver catalogato più di 300 prodotti che non lo utilizzano, ho visto per la prima volta sugli scaffali di un grossista alimentare il misterioso olio tropicale confezionato in bidoni da 20-25 litri. L’olio più diffuso nei prodotti …

Continua »

Etichette alimentari, raccolte 8.000 firme nella petizione per dire sì allo stabilimento di produzione promossa da Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade

Etichette alimentari: sì all’indicazione dello stabilimento di produzione. È questo il tema della petizione che Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade hanno promosso su Change.org per chiedere al governo italiano di ripristinare l’obbligo di inserire sulle etichette di prodotti alimentari e bevande la sede dello stabilimento di produzione.  Il 23 marzo sono state raccolte 8.000 firme. Per sottoscrivere …

Continua »

Olio di palma, meglio evitarlo dice Altroconsumo per la salute e per l’ambiente

Olio di palma: Altroconsumo ribadisce la posizione critica verso l’impiego di questo grasso ormai presente in quasi tutti i biscotti, i prodotti da forno e  in un numero spropositato di  alimenti. Questo grasso  ha sostituito il burro in tutte le preparazioni alimentari perché costa decisamente meno e svolge le medesime funzioni.   ” È un grasso che non piace ai consumatori …

Continua »

Stop olio di palma: 67 mila persone hanno firmato la petizione lanciata due settimane fa da Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade su Change.org. I primi risultati

olio di palma latte artificiale

Sono 67 mila  le persone che hanno aderito alla petizione lanciata una settimana fa da Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade su Change.org per dire stop all’invasione dell’olio di palma presente nel 95% dei prodotti da forno. Ringraziamo tutte queste persone e le invitiamo a rilanciare l’appello sulle pagine dei loro social network per aumentare il numero dei …

Continua »

L’olio di palma arriva in Parlamento: la petizione contro il grasso tropicale tradotta in risoluzione parlamentare

Stitched Panorama

Il dibattito sulla vicenda dell’olio di palma approda in Parlamento. L’idea è venuta a Matteo Mantero, deputato del Movimento 5 Stelle, che dopo aver letto e sottoscritto la petizione che Il Fatto Alimentare e Great Italian Food stanno portando avanti su Change.org contro l’uso di questo grasso negli alimenti, ha tradotto il testo in un’atto parlamentare. Il documento di Mantero è stato subito sottoscritto da altri nove …

Continua »

Olio di palma: l’ingrediente misterioso abilmente nascosto sulle etichette adesso diventa grasso eccellente! La vera storia che nessuno vuole raccontare

Barilla e Ferrero rientrano nel gruppo italiano dei grandi utilizzatori di olio di palma e da qualche tempo descrivono sui loro siti le qualità di questo grasso, la cui presenza sulle etichette è stata per anni furbescamente occultata dietro la frase “oli vegetali”. Dal prossimo 13 dicembre una legge europea obbliga a indicare in modo chiaro la presenza del palma …

Continua »

Stop olio di palma: 40 mila persone firmano la petizione lanciata una settimana fa da Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade su Change.org

Sono più di 40mila le persone che hanno aderito alla petizione lanciata una settimana fa da Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade su Change.org per dire stop all’invasione dell’olio di palma presente nel 95% dei prodotti da forno. Ringraziamo tutte queste persone e le invitiamo a rilanciare l’appello sulle pagine dei loro social network per aumentare il numero …

Continua »

Olio di palma: 130 mila firme. Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade lanciano una petizione su Change.org per dire stop all’invasione di questo grasso in migliaia alimenti

Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade hanno lanciato una petizione online su Change.org per fermare l’invasione dell’olio di palma nei prodotti alimentari che il 5 maggio 2015 ha superato le 130 mila firme. Per sottoscriverla clicca qui   Dal prossimo 13 dicembre milioni di consumatori italiani ed europei scopriranno la presenza di un nuovo ingrediente in migliaia di prodotti …

Continua »

Coca-Cola e PepsiCo costrette da una petizione online a eliminare l’olio vegetale bromurato da tutte le loro bibite

Coca-Cola

Coca-Cola ha annunciato che nei prossimi mesi eliminerà dalle sue bibite, in tutto il mondo, l’olio vegetale bromurato. L’additivo è utilizzato come stabilizzatore nelle bibite aromatizzate ed è già vietato in Europa e in Giappone. La decisione nasce dalla pressione organizzata da una diciassettenne del Mississippi, Sarah Kavanagh. Alla fine del 2012 la ragazza aveva lanciato una petizione su Change.org, con …

Continua »