Home / Coronavirus / Coronavirus: Esselunga aperta nel week-end ma non vende cancelleria, casalinghi, intimo, giocatoli, giardinaggio. Coop e altri supermercati chiusi di domenica

Coronavirus: Esselunga aperta nel week-end ma non vende cancelleria, casalinghi, intimo, giocatoli, giardinaggio. Coop e altri supermercati chiusi di domenica

etichette ingannevoliLe conseguenze dell’emergenza da coronavirus sulla spesa al supermercato sono: orari ridotti, chiusure domenicali e in alcuni casi divieto di acquisto di prodotti “non essenziali”. Continuano le polemiche intorno alla gestione dei supermercati, un servizio fondamentale in questo periodo di emergenza. Complice la diversa interpretazione dei decreti della Presidenza del consiglio.

La catena di supermercati Esselunga ha deciso di ridurre l’orario di apertura. Dal 21 marzo fino a venerdì 3 aprile i punti vendita anticiperanno la chiusura alle 20:00, mentre la domenica l’apertura sarà dalle 8:00 alle 15:30. Nel Lazio, in linea con le disposizioni regionali, i supermercati saranno aperti dal lunedì al sabato dalle 8:30 alle 19:00 e la domenica dalle 8:00 alle 15:00.

Esselunga  invita le persone a non affollare i negozi specialmente nelle prime ore del mattino, a fare la spesa da soli, a non usare gli ascensori (tranne i soggetti con problemi) e a mantenere sempre e ovunque la distanza di sicurezza di un metro. Per quanto riguarda il personale la catena ha dotato i dipendenti di mascherine, guanti monouso oltre a gel disinfettante. Le pulizie sono state potenziate e nei negozi ci sono strisce sui pavimenti e nuove segnaletiche per rispettare la distanza di sicurezza nei reparti dedicati alla vendita di pesce, pane, salumi…

Oltre a ciò i clienti hanno a disposizione guanti in prossimità dei box carrelli ed erogatori di gel disinfettante per le mani. Esselunga non sembra avere cambiato idea sul divieto di vendita di articoli come casalinghi (piatti , bicchieri…), cancelleria, piante e  oggetti per il giardinaggio, giocattoli, antitarme oltre ai capi di intimo, pur essendo questi articoli esposti  sugli scaffali.

Per conoscere il numero di persone colpite in Italia  clicca qui

Per conoscere il numero di persone colpite nel mondo clicca qui

Altri articoli di approfondimento sul sito

-Coronavirus, a Roma è proibita la pizza margherita e farcita. Sconcerto tra i panificatori per la circolare della Polizia locale del 19 marzo 2020

La spesa ai tempi del coronavirus: supermercati chiusi la domenica, orari ridotti e vendita solo di beni di prima necessità del 18 marzo 2020

-Coronavirus: come la Cina ha sconfitto l’epidemia in tre mesi. Il 60% dei pazienti asintomatico. Medici in hotel. Il modello da seguire del 17 marzo 2020

-Coronavirus: Esselunga, Carrefour, Eurospin vietano l’acquisto di penne e quaderni. È polemica. Federdistribuzione non è d’accordo del 17 marzo 2020

-Coronavirus, quanti giorni ancora? Le previsioni del Mario Negri sul numero dei malati e sulla durata in un articolo del Lancet del 16 marzo 2020

-Coronavirus: pasta, cibo in scatola e disinfettante. Coop fotografa la spesa degli italiani in tempi di pandemia del 16 marzo 2020

© Riproduzione riservata

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

macello macellare industria alimentare carne carcasse proteine allevamento macelli

Macelli & Covid-19, oltre 1.300 contagi in un impianto in Germania. Continua l’emergenza nei centri per la lavorazione della carne

Il numero che fa paura, in Germania, è 2,88: un valore dell’ormai famoso parametro R0 …

2 Commenti

  1. Avatar
    claudio panzironi

    Sono del parere che la riduzione di orario causi una concentrazione di persone che invece si vorrebbe e dovrebbe evitare. A Roma, ad esempio, la chiusura è per tutti alle 19 e i mercati rionali che prima aprivano alle sette ora aprono alle 8:30 alcuni con obbligo di mascherina. Ora, a parte obbligare i cittadini all’uso di un presidio che è introvabile e andrebbe fornito innanzitutto a chi è in rima linea a combattere l’epidemia, mi pare che, come in molti altri casi ed in special modo qui a Roma, si pensi di risolvere i problemi con rimedi di richiamo ma che poi possono rivelarsi un controsenso. Una tra tutti: Il bar tabacchi latteria vicino casa, può rimanere aperto solo per sigarette e gratta e vinci ma non per vendere il latte fresco, quello si, bene assolutamente primario! C’è proprio tutta questa urgenza di consentire alla gente di rovinarsi polmoni e coronarie in questo momento di drammatica emergenza sanitaria?

  2. Avatar

    Ma scusate, i pannolini per bambini non li vendete??? Ma state scherzando??? È come non vendere carta igienica.. Ma siete fuori??