Home / Pubblicità & Bufale / Basta anoressia e bulimia nella pubblicità. Importante decisione dello Iap contro immagini del corpo ispirate a modelli estetici

Basta anoressia e bulimia nella pubblicità. Importante decisione dello Iap contro immagini del corpo ispirate a modelli estetici

dieta pubblicitàDomani 9 marzo 2019 entra in vigore un nuovo articolo (12 bis) del codice di Autodisciplina pubblicitaria che vieta l’utilizzo di immagini  “ispirate a modelli estetici associabili a disturbi del comportamento alimentare nocivi per la salute”. Già adesso il codice vieta la rappresentazione di prodotti o servizi suscettibili di presentare pericoli, in particolare per la salute, la sicurezza e l’ambiente, oltre che censurare le pubblicità che possono indurre il pubblico a sottovalutare le regole di prudenza o a ridurre il senso di vigilanza verso i pericoli.

La nuova regola prevede il divieto di messaggi e spot che richiamano condizioni patologiche del comportamento alimentare, come l’anoressia e la bulimia. Questo perché i modelli estetici proposti nei messaggi e negli spot, possono in qualche misura condizionare i più giovani e influenzarli verso stili di vita e canoni estetici sbagliati.

È vero che disturbi del comportamento alimentare sono legati a particolari condizioni di disagio le cui cause sono molteplici- precisa l’Istituto – ma è anche vero che i modelli estetici che esaltano le icone della magrezza possono contribuire  ad alimentare questi disagi e suggerire comportamenti errati nei soggetti già predisposti. “Si tratta – precisa il segretario dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria Vincenzo Guggino – di un passo avanti nella tutela dei più giovani, che fa seguito a quanto previsto dall’articolo 11, quando vieta alla pubblicità di  indurre ad adottare l’abitudine a comportamenti alimentari non equilibrati, o a trascurare l’esigenza di seguire uno stile di vita sano”.

Le istanze di censura possono essere inviate allo Iap da tutti i cittadini e non comportano spese.

© Riproduzione riservata

Ogni giorno oltre 40mila persone ci seguono.
Siamo indipendenti e liberi da logiche politiche e aziendali. Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori che coprono il 20% delle spese

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Le insalate in busta sono pericolose? No, si tratta dell’ultima (vecchia) bufala del web

In questi giorni il web è invaso da articoli di giornale con titoli allarmistici sulle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *