Home / Pubblicità & Bufale / Basta anoressia e bulimia nella pubblicità. Importante decisione dello Iap contro immagini del corpo ispirate a modelli estetici

Basta anoressia e bulimia nella pubblicità. Importante decisione dello Iap contro immagini del corpo ispirate a modelli estetici

dieta pubblicitàDomani 9 marzo 2019 entra in vigore un nuovo articolo (12 bis) del codice di Autodisciplina pubblicitaria che vieta l’utilizzo di immagini  “ispirate a modelli estetici associabili a disturbi del comportamento alimentare nocivi per la salute”. Già adesso il codice vieta la rappresentazione di prodotti o servizi suscettibili di presentare pericoli, in particolare per la salute, la sicurezza e l’ambiente, oltre che censurare le pubblicità che possono indurre il pubblico a sottovalutare le regole di prudenza o a ridurre il senso di vigilanza verso i pericoli.

La nuova regola prevede il divieto di messaggi e spot che richiamano condizioni patologiche del comportamento alimentare, come l’anoressia e la bulimia. Questo perché i modelli estetici proposti nei messaggi e negli spot, possono in qualche misura condizionare i più giovani e influenzarli verso stili di vita e canoni estetici sbagliati.

È vero che disturbi del comportamento alimentare sono legati a particolari condizioni di disagio le cui cause sono molteplici- precisa l’Istituto – ma è anche vero che i modelli estetici che esaltano le icone della magrezza possono contribuire  ad alimentare questi disagi e suggerire comportamenti errati nei soggetti già predisposti. “Si tratta – precisa il segretario dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria Vincenzo Guggino – di un passo avanti nella tutela dei più giovani, che fa seguito a quanto previsto dall’articolo 11, quando vieta alla pubblicità di  indurre ad adottare l’abitudine a comportamenti alimentari non equilibrati, o a trascurare l’esigenza di seguire uno stile di vita sano”.

Le istanze di censura possono essere inviate allo Iap da tutti i cittadini e non comportano spese.

© Riproduzione riservata

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Bufale in rete: il caffè fa davvero male al fegato? Una vecchia credenza smentita dagli esperti su Issalute

Ma è vero che bere troppo caffè fa male al fegato? No, non è vero, …