Home / Pubblicità & Bufale / Spot Barilla: perché tutti hanno il cappello tranne lo chef Oldani e Federer? Distrazione o spocchiosa superiorità?

Spot Barilla: perché tutti hanno il cappello tranne lo chef Oldani e Federer? Distrazione o spocchiosa superiorità?

Perché nell’ultimo spot di Barilla lo chef Davide Oldani e il suo compagno di cucina Roger Federer mentre sono alle prese con un piatto di  spaghetti non usano il cappello, mentre gli altri aiuto cuochi/e lo indossano sempre? La domanda è lecita, ma la risposta purtroppo non c’è. Qualcuno può obiettare che si tratta di uno spot e non della cucina di un ristorante. È vero, ma proprio perché siamo di fronte a uno spot  visto da milioni di persone, i due devono indossare il cappello come fanno gli altri. La pubblicità fa cultura, e mostrare uno chef  famoso a capo scoperto è sbagliato, perché diventa un modello di riferimento.  Una questione analoga si pone quando vanno in onda gli spot delle moto e si vede un veicolo che sfreccia davanti alla cinepresa. La persona alla guida, e anche chi sta dietro, anche quando si tratta di star del cinema o di piloti famosi, hanno sempre il casco. La scelta di indossare il casco non è una casualità ma un obbligo, perché lo spot deve veicolare allo spettatore un messaggio corretto sulle modalità di guida. La stessa regola vale in cucina, quando le immagini mostrano chef o altro personale alle prese con i fornelli in un ristorante o in altre situazioni pubbliche. La regola è molto semplice e non sono previste eccezioni.

Purtroppo questa norma basilare che viene insegnata agli studenti del primo anno dell’Istituto alberghiero, è allegramente snobbata dai grandi chef che non amano la toque (così si chiama il cappello), anche se fa parte della divisa di lavoro.  Probabilmente qualcuno dello staff Barilla conosce la norma di legge, ma non la ricorda con sufficiente solerzia al regista dello spot e a Davide Oldani e Roger Federer. È vero che sul set questi personaggi diventano star, ma questo non giustifica il mancato rispetto delle norme igieniche. Purtroppo le immagini dello spot non sono un’eccezione. I grandi chef non indossano il copricapo volentieri. Lo dimostrano le numerose foto che li ritraggono alle prese con i fornelli. Le immagini mostrano gli chef senza capello, e lo lo staff di cucina con la toque, la bandana o un altro copricapo. Le foto che vi proponiamo ritraggono alcuni cuochi di grido mentre preparano piatti prelibati che non indossano il cappello,  al contrario delle altre persone della brigata di cucina.

Locanda Perbellini cuoco Giancarlo Perbellini
Giancarlo Perbellini  insieme a due aiuto cuochi nella sua Locanda Perbellini, locale aperto da poche settimane a Milano (da Dissapore 8 aprile 2018)

 

Carlo Cracco cappello cuochi
Carlo Cracco immortalato in una foto mentre insieme ai cuochi dell’azienda di ristorazione Elior serve un menu speciale per i dipendenti della Banca Bnl (Il Sole 24 Ore del 2 ottobre 2017) nella Food Court del Palazzo “Orizzonte Europa”

 

Matteo Vigotti chef viaggiatore gourmet altissimo ceto
Nel famoso ristorante milanese Peck lo chef Matteo Vigotti in un evento privato (1 marzo 2017 da Viaggiatore Gourmet)
gordon ramsay pad thai chef chang the f word channel 4
Gordon Ramsay, cuoco e ristoratore scozzese a fianco dello chef Chang entrambi senza cappello, mentre la brigata di cucina sullo sfondo indossa il copricapo (fotogramma tratto dal programma The F Word della tv inglese Channel 4)
Bottura Milano salone del mobile 2018
Il famoso chef stellato Massimo Bottura, rigorosamente senza cappello, mentre serve i piatti durante la cena offerta da Grunding a 350 persone riunite al Castello Sforzesco di Milano nei giorni del Salone de mobile ( aprile 2018).

 

Gianfranco vissani cucina
Gianfranco Vissani in una foto mentre spadella, anche lui senza copricapo affiancato dai due collaboratori che  invece lo indossano
Bruno Barbieri al Fourghetti di Bologna
Lo chef Bruno Barbieri, noto per la partecipazione a MasterChef, all’inaugurazione del suo locale Fourghetti di Bologna fotografato con la brigata di cucina dotata  di cappello (24 giugno 2016 da Repubblica Bologna, foto LaPresse)

 

Andrea Migliaccio Napoli ristorante l'Olivo
Andrea Migliaccio nel suo ristorante L’Olivo di Napoli con la brigata di cucina, tutti rigorosamente dotati di copricapo tranne lo chef

 

Tino Oldani e Roger Federer in una cucina per lo spot Barilla
Davide Oldani e il tennista svizzero Roger Federer in cucina mentre girano uno spot per Barilla senza cappello, al contrario della  brigata che indossa il copricapo

 

alessandro borghese
Il famoso chef e conduttore televisivo Alessandro Borghese alle prese con i fornelli mostra la fluente e rigogliosa capigliatura, mentre il suo collaboratore ha uno strano cappello
Paul Bocuse immagini google
Paul Bocuse il famosissimo chef francese morto nel 2018 ha sempre fatto le foto con il cappello, al contrario delle nuove star dei fornelli  (immagini riprese da Google immagini)

 

 

 

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Mellin: censurata la pubblicità del latte formula Aptamil. Per il Giurì è ingannevole

L’Istituto di autodisciplina pubblicitaria ha censurato la pubblicità del latte formula per la prima infanzia …

7 Commenti

  1. Veramente sarebbero vietati anche chi anelli al cui interno si deposita di tutto…

  2. In realtà per quanto riguarda lo spot possiamo parlare solo di diseducazione, visto che non cucinano veramente ma sono solo a favore di telecamera. Ovviamente l’asino casca nella realtà ben documentata dall’articolo, dove è evidente che queste rock star della cucina fanno un po’ come gli pare.

    • Tutti gli chef sanno che il cappello e’ obbligatorio spot o non spot PERCHÉ da senso di pulizia e di rispetto verso i commensali:chi non lo fa è un maleducato e dozzine.

  3. Uscendo dallo spot e rientrando nella trasmissione dove la cucina è la protagonista, accadeva la stessa cosa nella trasmissione su Raui2 “In viaggio con Marcello”, dove il cuoco “protagonista” era sempre senza copricapo a differenza del personale alle sue spalle.

    D’altro canto ben ricordo le dichiarazioni del Presidente di Apci su il Fatto Alimentare: “Sono a favore del fatto che per particolari esigenze sceniche, in alcune foto o riprese televisive, ci sia la necessità di procedere senza cappello: questo, a mio avviso, non rappresenta un fatto grave. Ma deve essere una assoluta eccezione, non la regola. Nelle cucine dei ristoranti, il cappello non deve mai mancare.”

    Assoluta eccezione che non capisco. Cosa c’è di meglio, tanto più in TV, che vedere il cuoco con il suo bel cappello, che da sempre lo rappresenta?

    Sono dell’idea che l’esempio sia sempre un buon insegnamento, tanto più per chi non è addetto ai lavori. Vedere i cuochi che operano in cucina seguendo le norme igieniche, farebbe capire anche al consumatore come si deve lavorare. E quindi quando si va in un ristorante, tanto più con cucina a vista, ci si potrebbe regolare al meglio.

    D’altro canto se penso a quella cuoca televisiva che soffiava sui piatti pronti… > https://wp.me/pjP1E-u3i

  4. Ho chiesto all’Asl del cappello, è tollerato che non lo si abbia così come ormai è tollerata la divisa che non è bianca.

    • Sarebbe interessante sapere quale ASL abbia dato questa informazione, dato che ho girato il commento ad un’amica che dirige un noto locale milanese che mi ha detto: “il cappello è obbligatorio e l’Asl te lo dice (non tollera affatto). Quello che tollera è che non lo portino i baristi (e forse lo posso capire, sono davanti al pubblico). Tutti gli addetti di cucina lo devono portare compresi lavapiatti e magazziniere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *