Home / Supermercato / La spesa a casa in 15 minuti? Una necessità effettiva o un’imitazione dei ritmi fast-food

La spesa a casa in 15 minuti? Una necessità effettiva o un’imitazione dei ritmi fast-food

A Milano in alcune zone è possibile fare online la spesa online presso un supermercato Conad o Carrefour e ricevere i sacchetti dopo 30 minuti circa. Adesso Esselunga, grazie ad un accordo stipulato con Deliveroo, ha accorciato ulteriormente i tempi e garantisce la consegna entro 15 minuti. Sia chiaro non si tratta della spesa settimanale o mensile ma solo di un rabbocco. Il fattorino consegna di solito un sacchetto di carta o di plastica con all’interno alcuni prodotti scelti dall’assortimento online (anche una decina precisano gli operatori). Le spese di consegna variano.  Sono gratuite se è in corso una promozione o si supera un certo importo.

Una domanda sorge spontanea. Qual è la necessità di un servizio i consegna così rapido (15-30 minuti) in una città come Milano dove sono presenti centinaia di grandi e piccoli supermercati e dove bar, pizzerie e ristoranti sono così numerosi che risulta difficile contarli? Forse nel periodo del look-down, quando il Covid faceva molta paura, un servizio del genere poteva avere una giustificazione, ma adesso?

Deliveroo spesa domicilio
A Milano Esselunga, Conad e Carrefour offrono la possibilità di ricevere a casa una piccola spesa entro 15-30 minuti

Certo a tutti può capitare di aver dimenticato di acquistare la cipolla per il soffritto del risotto, oppure la busta di insalata o il latte per la prima colazione del giorno dopo, ma si tratta di episodi per fortuna poco frequenti. Possiamo anche pensare alle persone che, anziché ordinare una pizza da mangiare in ufficio fra una riunione di lavoro e l’altra, possono decidere di pranzare  on uno dei piatti della gastronomia di Esselunga. Tutto ciò giustifica la messa a punto di un servizio di consegna quasi in tempo reale? Alcune catene della grande distribuzione ritengono questa velocità un servizio utile da offrire al consumatore distratto o impaziente. A me sembra più un modo per assecondare ritmi di vita frenetici e per inseguire modelli alimentari tipici del fast food.

© Riproduzione riservata Foto: Deliveroo

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

consumatori, ragazza che guarda il computer

Foodu: il supermercato partecipativo online, per chi vuole andare oltre l’acquisto dei prodotti

Vi piacerebbe partecipare alla selezione dei prodotti in vendita nel vostro supermercato? Dare consigli alle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *