Home / Pianeta / Gli italiani e i polli: quello che crediamo di sapere si scontra con la realtà dell’allevamento intensivo. Sondaggio di Eurogroup for Animals

Gli italiani e i polli: quello che crediamo di sapere si scontra con la realtà dell’allevamento intensivo. Sondaggio di Eurogroup for Animals

Poultry farm business for the purpose of farming meat or eggs for food from, White chicken Farming feed in indoor housingQuello che gli italiani pensano sulle condizioni di vita dei polli da carne si scontra con la realtà degli allevamenti intensivi. È quanto emerge da un sondaggio commissionato dall’Eurogroup for Animals a ComRes,  su oltre 7 mila consumatori dei principali Paesi produttori di carne di pollo: Francia, Regno Unito, Germania, Spagna, Polonia e Italia.

Nove italiani su dieci ritengono che i polli dovrebbero trascorrere le loro vite in ambienti puliti, salubri  dove razzolare e piegare le ali a piacimento, mentre tre consumatori su cinque sono convinti che i capannoni abbiano sempre un accesso all’aperto. Gli intervistati credono che questi animali abbiano diritto a vivere senza inutili sofferenze (84%) e che si usino metodi di stordimento efficaci prima della macellazione (86%). Il 93% ritiene necessari interventi legislativi per garantire le giuste tutele.

Questi sentimenti, tuttavia, si scontrano con la triste realtà degli allevamenti intensivi. Il 95% degli animali  allevati in Europa (6,5 miliardi, di cui mezzo miliardo solo in Italia), trascorre la sua vita in capannoni chiusi, affollati e rumorosi, senza la possibilità di uscire all’aperto. Questi animali appartengono a razze (o meglio genotipi) a crescita rapida, che raggiungono il peso adatto alla macellazione in soli 40-45 giorni e questo aspetto rappresenta una “problematica” per l’85% degli intervistati.

Il 73% dei partecipanti dichiara che preferisce mettere nel carrello carne di pollo allevato in maniera più etica, come quello biologico, allevato all’aperto, con maggiori standard di benessere  o a km zer0.  Un altro problema riguarda l’ambiguità di alcune etichette che possono risultare fuorvianti e trarre in inganno i consumatori sul sistema di allevamento.

Per questo motivo, nel gennaio 2019, Compassion in World Farming Italia (Ciwf Italia) ha lanciato una petizione diretta ai ministri delle Politiche agricole e della Salute per introdurre un’etichetta univoca e volontaria sul metodo di allevamento da apporre sui prodotti a base di carne, latte e derivati.

uitdr EFA infographic broiler chicken_ITA
Clicca sull’immagine per ingrandire (Fonte: ©Eurogroup for Animals)

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Termopolio-Regio-V pompei nereide cavalli marini

Il fast food al tempo dei romani: ritrovati a Pompei oltre 80 termopoli, i locali preferiti dell’Antica Roma per un pasto al volo

Si chiamavano thermopolia, ed erano gli equivalenti pompeiani dei moderni fast food, perché lì si …

4 Commenti

  1. Salve a tutti . Sono un piccolo agricoltore e allevo un piccolo numero di polli , liberi , a terra , in modo naturale , ma quando devo macellarli e venderli mi scontro con la realtà dei supermercati che vendono il prodotto a meno della metà di quanto possa fare io . Molte persone di fronte ad una spesa elevata ritengono opportuno tornare a prendere il pollo al supermercato . Nel mercato del commercio è la domanda che crea l offerta . Se vorremo dei polli a 4 zampe il mercato venderà polli a 4 zampe . Se vogliamo le fragole a dicembre o le angurie a marzo il mercato avrà questi prodotti . Il primo passo dobbiamo farlo noi come consumatori . Un pollo allevato in modo naturale richiede 6/8 mesi per essere pronto con dei costi superiori . Ma questo in tutti i prodotti alimentari . Quindi i consumatori devono capire questo prima di poter far cambiare le cose , grazie

    • Roberto La Pira

      Pochi consumatori apprezzano e capiscono le differenze sensoriali e organolettiche tra i polli a crescita veloce e a crescita lenta. In alcuni supermercati però si trovano polli macellati dopo 80 giorni che assomigliano ai suoi e costano più del doppio rispettoo a quelli che vengono macellati dopo 40 giorni

  2. Damiano prima o poi le cose devono cambiare. La grande distribuzione avra’ sempre prodotti low cost ma le “piccole” macellerie per sopravvivere devono avere anche i suoi prodotti altrimenti secondo me rischiano di chiudere , anche perche’ non possono certo fare concorrenza sui prezzi con i vari super/iper etc. mercati.
    Vada avanti mi raccomando ! Lo dico con tanta speranza e conoscendo bene le differenze fra i due prodotti, qualche volta li devo comprare al supermercato e le confesso che quella carne a volte sa di pesce. Giuro ! Non so dirle come mai forse sara’ colpa della mia cottura ma con quelli allevati da agricoltori come lei questa cosa non accade mai.
    Cari saluti

  3. Damiano, se fosse come dici tu la Mercedes e la BMW non venderebbero auto.
    Se fai un prodotto di elevata qualità e più naturale non puoi venderlo come i polli del supermercato. Ovvio che per i clienti sono la stessa cosa, ma non è così. Piuttosto inventati un nome (lecito) per far capire che il tuo è un’altra cosa…Pollo al naturale , a crescita lenta, long life chicken o roba del genere. Chiaramente non venderlo al supermercato. I consumatori non devono capire nulla sono ottusi e prevedibili, i polli sono loro. Fai come ti ho detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *