Home / Nutrizione / Sodio e potassio, l’Organizzazione mondiale della sanità rivede le linee guida sul consumo quotidiano per ridurre i rischi di ipertensione e infarto

Sodio e potassio, l’Organizzazione mondiale della sanità rivede le linee guida sul consumo quotidiano per ridurre i rischi di ipertensione e infarto

SaleIl 31 gennaio, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha modificato le proprie linee guida riguardanti il consumo di sodio e potassio.

Secondo le indicazioni rivedute e corrette, tutti gli adulti dovrebbero consumare ogni giorno meno di 2 g di sodio, pari a 5 g di sale da cucina, e almeno 3,5 g di potassio. Si tratta di un’indicazione importante giacché a giudizio dell’Oms gran parte delle persone consumano troppo sale e troppo poco potassio e corrono dunque più rischi di sviluppare ipertensione.

 

«E l’ipertensione» spiega Francesco Branca, direttore del Dipartimento di nutrizione e salute dell’Oms «è a sua volta un fattore di rischio per ictus e infarto, la prima causa al mondo di morte e disabilità».

Inoltre, secondo le nuove linee guida dell’Oms, le indicazioni per più bassi consumi di sodio e più alti consumi di potassio dovrebbero essere adottate anche per l’alimentazione dei bambini di età superiore ai 2 anni.

 

Anissia Becerra

OMS linee guida sodio OMS Sodium intake for adults & children

 

 

 

 

OMS linee guida potassioOMS Potassium intake for adults & children

 

 

 

 

 

© Riproduzione riservata

Foto: Photos.com, OMS

 

  Anissia Becerra

Anissia Becerra

Guarda qui

eco menu Greenpeace

Alimentazione sostenibile, il decalogo di Greenpeace, tra frutta e verdura di stagione e cibo ultra-trasformato

Mangiare alimenti gustosi, sani, ma anche sostenibili: un approccio alla dieta non sempre scontato, ma …

3 Commenti

  1. Avatar

    Il quantitativo potassio raccomandato è 3,5 milligrammi o grammi interi??

  2. Avatar

    mi ero impaurito!! 😀