Home / Etichette & Prodotti / Zuccheri nascosti, Kellogg’s e Hipp costretti a rimuovere il claim “senza zuccheri aggiunti” nei Paesi Bassi: “ingannevole”

Zuccheri nascosti, Kellogg’s e Hipp costretti a rimuovere il claim “senza zuccheri aggiunti” nei Paesi Bassi: “ingannevole”

kellogg's cereali senza zuccheri aggiuntiQuando l’etichetta recita “senza zuccheri aggiunti”, ma il prodotto contiene fonti “nascoste” di zucchero, il claim è ingannevole? La risposta è affermativa, secondo l’Autorità olandese per la pubblicità, che ha imposto a sette aziende di rimuovere la dicitura da alcuni prodotti “senza zuccheri aggiunti” ma con grandi quantità di succhi concentrati, puree e paste di frutta molto zuccherini, la cui presenza non poteva essere spiegata con altre funzioni tecnologiche. La decisione dell’autorità è partita da una denuncia di Foodwatch contro nove produttori, tra cui Kellogg’s e Hipp.

La dicitura nutrizionale “senza zuccheri aggiunti”, secondo il registro dei claim nutrizionali e salutistici dell’Unione europea, può essere utilizzata solo se il prodotto non contiene alcuno zucchero semplice (monosaccaridi e disaccaridi) aggiunto o qualsiasi altro alimento usato per le sue proprietà dolcificanti. Nel caso in cui siano naturalmente presenti, il claim deve essere accompagnato dalla dicitura “contiene naturalmente zuccheri”.

Kellogg’s è stata segnalata da Foodwatch a causa di due cereali per la colazione della linea W.K. Kellogg venduti anche in Italia, il müsli alla frutta secca e quello alle albicocche e semi di zucca. Le confezioni di entrambi i prodotti espongono in evidenza la dicitura contestata, eppure tutti e due contengono il 14% di pasta di datteri, che è costituita in gran parte da zucchero e rende i cereali decisamente più dolci. Siccome i datteri non sono ingredienti caratterizzanti in nessuno dei due prodotti, è probabile, secondo l’associazione, che siano stati aggiunti solo per il loro potere dolcificante.

La multinazionale si è difesa affermando che la pasta di datteri è stata aggiunta esclusivamente con lo scopo di legare insieme i blocchi di cereali e che comunque sulla confezione è presente la dicitura “contiene naturalmente zuccheri”. L’autorità tuttavia ha controbattuto rilevando come la quantità di zucchero apportata dai datteri – 12 dei 16 grammi ogni 100 grammi di prodotto – è troppo elevata per poter sostenere che la pasta abbia esclusivamente una funzione di legante.

Per ragioni analoghe, Foodwatch ha segnalato anche i biscotti per bambini alla mela del marchio di baby food Hipp, che non sono distribuiti in Italia, ma sono facilmente reperibili online. Il prodotto, a dispetto del claim “senza zuccheri aggiunti”, contiene ben il 18% di succo di mela.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Family chooses dairy products in shop

La guerra delle etichette nutrizionali: batteria contro semaforo. L’Italia in controtendenza rispetto all’Europa

Il governo italiano presenterà all’Ue un modello di etichette nutrizionali a batteria come controproposta all’etichetta …

Un commento

  1. Avatar
    Maurizio Giambruno

    “contiene naturalmente zuccheri”
    dovrebbe essere scritto in caratteri cubitali.