Home / Tecnologia e Test / Spreco alimentare: dal MIT un nuovo sensore per monitorare la maturazione di frutta e verdura e ridurre sprechi

Spreco alimentare: dal MIT un nuovo sensore per monitorare la maturazione di frutta e verdura e ridurre sprechi

rotten apple mela marcia vaschetta plasticaPer capire per tempo quando frutta e verdura si avvicinano alla fine della loro vita e ridurre lo spreco, i ricercatori del Massachusetts Institute of Technology di Boston propongono un nuovo sensore, che riesce a sfruttare un fenomeno naturale con un’elevatissima sensibilità. Il sistema si basa sull’emissione durante la maturazione di una sostanza gassosa chiamata etilene, i cui livelli salgono molto in condizioni di stress.

Come riferito su ACS Central Science, i chimici del MIT hanno capito che per rilevare il gas dovevano migliorare i nanotubi di carbonio messi a punto qualche anno prima, in grado di rilevare fino a 500 parti per miliardo di etilene (una quantità che, pur essendo molto bassa, non era giudicata ancora sufficiente per un’applicazione commerciale).  I ricercatorei hanno provato vari accorgimenti, e alla fine hanno optato per un catalizzatore metallico, il palladio, che ossida l’etilene. Questa reazione chimica determina minime differenze di corrente elettrica nei nanotubi che possono essere poi rilevate: in questo modo la sensibilità è scesa a 15 parti per miliardo, una quantità davvero piccola.

Per testare l’attendibilità del sensore, i ricercatori hanno utilizzato due tipi di fiori, i garofani e i lisianthus viola. Il valore  relativo  alla produzione di etilene rilevata per cinque giorni è stato messo in relazione con la fioritura. Si è visto così  che, nel caso del garofano, l’etilene viene rilasciato in grandi quantità nei primi due giorni, quando si verifica la fioritura e poi scende rapidamente. Nel caso del lisianthus il rilascio è molto più graduale, e accompagna una fioritura meno improvvisa, il valore infatti aumenta per quattro giorni, per poi diminuire.

Se il sensore fosse impiegato nelle fasi di stoccaggio e trasporto di frutta e verdura (e degli stessi fiori), chi pianifica le vendite e la distribuzione potrebbe intervenire in modo più razionale, evitando di immettere sul mercato prodotti che perderanno la freschezza a breve. Secondo le stime, questo tipo di spreco interessa, nei soli Stati Uniti, il 12% di frutta e verdura: un quantitativo che, rapportato alla quantità totale, è davvero enorme.

© Riproduzione riservata

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Riduzione del becco dei pulcini: perché si deve fare negli allevamenti delle galline? Problema o soluzione?

Si sente molto parlare di benessere animale e qualcuno aggiunge alla lista delle problematiche negli …

Un commento

  1. Avatar

    Tutto questo serve per automatizzare le fasi di carico e trasporto nonchè per le vendite nei supermercati dove non sono richieste figure professionali adeguate alla corretta valutazione del prodotto naturale ( noi dicevamo che erano incompetenti o anche peggio) , per i coltivatori e i venditori all’ingrosso queste competenze sono tuttora presenti e fondamentali per la salute economica delle attività.
    Lo spreco nei mercati, negozi e nelle dispense dei consumatori sono principalmente dovute alla volubilità dei consumatori e alla scarsa considerazione che le persone attribuiscono al grande valore nutritivo di frutta e verdura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *