Home / Lettere / Cattivo odore per i semi di lino. La segnalazione di una lettrice e la risposta della catena di supermercati In’s Mercato

Cattivo odore per i semi di lino. La segnalazione di una lettrice e la risposta della catena di supermercati In’s Mercato

semi di linoDi seguito pubblichiamo la segnalazione di una lettrice circa il cattivo odore in una confezione di semi. A seguire la risposta della catena di supermercati In’s Mercato.

Ho acquistato da In’s Mercato 3 confezioni di semi di lino biologici, confezionati nello stabilimento di 64 Marin Popov Str, 5400 Sevlievo, Bulgaria. Aprendole si viene investiti da un forte odore di plastica. Ho versato il contenuto in contenitore di vetro e dopo 5 giorni i semi di lino odorano ancora di plastica. Si sa che c’è affinità tra plastica e grasso, e i semi oleosi hanno appunto un’alta percentuale di benefici grassi. Ma mi chiedo se la normativa circa i materiali da impiegare per garantire sicurezza nel contatto alimentare sia rispettata. A “naso” mi pare impossibile.

La risposta di In’s Mercato.

Ringraziandola per la sua segnalazione, vogliamo cogliere l’occasione per rassicurarla sulla conformità e sulla qualità delle materie prime e degli imballaggi utilizzati per proporre sui nostri scaffali il prodotto.
I semi di lino sono stati prodotti e confezionati seguendo le direttive sulla sicurezza alimentare imposte dall’Unione Europea. Il confezionamento, in particolar modo, è avvenuto in Atmosfera Modificata, metodo di conservazione ideale per cibi con alto apporto di grassi naturali. Una tecnologia che, senza l’utilizzo di conservanti  chimici, allunga il periodo di conservabilità e freschezza del prodotto; una procedura che limita l’insorgenza di batteri e non altera l’aspetto, il sapore e le proprietà degli alimenti.
In’s Mercato si impegna a verificare la conformità delle procedure impiegate per la produzione e il confezionamento degli articoli commercializzati nei propri punti vendita, garantendo ogni giorno freschezza e qualità ai propri clienti. Allertata dalla segnalazione del cliente, l’azienda sta effettuando i relativi controlli sul prodotto attraverso un ente esterno.

© Riproduzione riservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

pasta carboidrati industria alimentare azienda

Sede dello stabilimento in etichetta? La domanda di una lettrice e la risposta dell’avvocato Dario Dongo

Pubblichiamo la domanda di una nostra lettrice sull’indicazione in etichetta allo stabilimento di produzione. Di …