Home / Etichette & Prodotti / Allungare la data di scadenza del latte fresco per ridurre lo spreco alimentare. La proposta di Granarolo che piace al Mipaaft

Allungare la data di scadenza del latte fresco per ridurre lo spreco alimentare. La proposta di Granarolo che piace al Mipaaft

latte frescoLa lotta allo spreco alimentare e alle emissioni di biossido di carbonio passa anche dalle date di scadenza, soprattutto quella di prodotti deperibili come il latte fresco e i latticini. Per questo, Granarolo ha dato vita a un piano anti-spreco per allungare la shelf-life dei suoi prodotti, puntando a una riduzione del 10% dei resi. Ma c’è un problema: la scadenza del latte fresco è rigidamente stabilita per legge.

Il latte e i suoi derivati contribuiscono in misura considerevole allo spreco di cibo, e il latte fresco è uno dei principali colpevoli. Basti pensare che ogni giorno in Italia migliaia di litri di latte fresco 2-3 gironi prima della scadenza sono tolti dai banchi frigo dei supermercati e destinati alla distruzione o, nella migliore delle ipotesi, all’alimentazione animale.

Secondo la normativa (legge 204/2004) il latte fresco ha una scadenza fissata entro e non oltre il sesto giorno successivo alla data di confezionamento. Eppure sparisce dai banchi frigo già due o tre giorni prima della data indicata sulle bottiglie, perché, secondo i responsabili acquisti dei supermercati, i consumatori non lo comprano più.

Si tratta di una (cattiva) consuetudine frutto di accordi tra aziende e grande distribuzione. Eppure i produttori sanno che, se il latte è conservato bene, mantenendolo a una temperatura costante di 4°C, si può consumare senza rischi anche uno-due giorni dopo la scadenza. Secondo alcuni esperti di microbiologia il latte fresco conservato alla giusta temperatura può durare fino a nove giorni.

latte scaffale supermercato
La data di scadenza del latte fresco è fissata per legge entro e non oltre i sei giorni dal confezionamento

Insomma, la data di scadenza del latte fresco è rigidamente definita da una legge di 15 anni fa, rimasta rimasta indietro rispetto ai miglioramenti tecnologici che permettono di  estendere la shelf-life . Il problema è riconosciuto anche dal ministro delle Politiche agricole alimentari forestali e del turismo, Gianmarco Centinaio, che si è impegnato a convocare a Roma un tavolo di esperti e portatori di interesse per dibattere il problema.

Già nel 2018 la scadenza del latte fresco doveva essere liberalizzata, in accordo con la normativa europea. Tuttavia il decreto legislativo 231/17 che doveva abrogare i limiti ha cancellato solo quelli fissati con la precedente legge 169/1989, che stabiliva la scadenza del latte fresco non oltre il quarto giorno dal confezionamento. Che questa sia la volta buona?

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

acque funzionali san benedetto vitasnella gatorade levissima sant'anna

Acque funzionali, vitamine, minerali e nessun beneficio dimostrato. E attenzione: alcune sono a tutti gli effetti bevande zuccherate!

Con l’estate e con il caldo si beve di più e gli italiani sono tra …

4 Commenti

  1. Traduzione: dal latte fresco “all’italiana”, pastorizzato a bassa temperatura e quindi molto deperibile, si passa al latte fresco “all’europea”, pastorizzato a temperatura più alta, microfiltrato, e che dura di più.
    In altre parole, si riduce il valore del prodotto (il latte fresco “all’italiana” è più deperibile, ma meno processato, e soprattutto molto più buono) ma possiamo scommettere che il prezzo pagato dal consumatore non scenderà, e certamente non aumenterà quello pagato ai produttori.
    In conclusione: che ci perde e chi ci guadagna?
    E lo spreco? Ora stai a vedere che tutta la colpa degli sprechi sul latte è di noi consumatori che lo vogliamo buono, fresco, sano e sicuro: abbiamo delle pretese veramente irragionevoli!

    • Roberto La Pira

      Non è proprio così. La scadenza per tutti i prodotti alimentari viene stabilita dal produttore tranne che per il latte fresco. Tenga conto che qualche anno fa è stata anche allungato l’intervallo da 5 a 7 giorni. Si chiede di estendere questa possibilità che vale per tutti i prodotti alimentari anche al latte. Non cambiano i riferimenti di temperatura per la pastorizzazione. E comunque non esiste un “latte fresco all’italiana!”

    • Per Roberto La Pira:

      Lei ha ragione: non esiste un latte fresco “all’italiana”, ma le posso garantire per esperienza diretta che all’estero il latte “fresco” (ovvero quello che si trova nei banchi frigo e che non è “a lunga conservazione”) dura di più di quello italiano: non le so dire con precisione, ma per esempio quello che ho comprato il 9 luglio (che è pure biologico) scade il 21 luglio, e sul cartone c’è pure scritto “durata più lunga”. Io una cosa simile in Italia non l’avevo mai vista, ma è anche vero che manco da un pezzo…

    • Roberto La Pira

      Anche in Italia c’è il latte che scade dopo 10-15 giorni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *