Home / Etichette & Prodotti / Satisfries: anche in Italia arrivano le patatine “light” di Burger King. Hanno il 30% di grassi in meno rispetto a quelle di McDonald’s

Satisfries: anche in Italia arrivano le patatine “light” di Burger King. Hanno il 30% di grassi in meno rispetto a quelle di McDonald’s

burger king patatine satisfries1Da qualche giorno Burger King ha lanciato anche in Italia le Satisfries, patatine fritte “a ridotto apporto di grassi”, in vendita negli Usa già dallo scorso autunno (leggi articolo). Le Satisfries (*) contengono il 30% di grassi in meno rispetto alle patatine di McDonald’s, per la precisione il 9% contro il 14% del prodotto concorrente: l’azienda propone infatti questo confronto, anziché quello con le proprie patatine fritte tradizionali, perché lo ritiene “più rilevante per i clienti”.

 

Di cosa si tratta esattamente? Le Satisfries, fornite dalla multinazionale delle patate McCain, sono patate “coated”, hanno cioè un rivestimento che dovrebbe servire ad assorbire meno olio. La ricetta è definita “segreta”, ma dalle schede esposte nei punti vendita (abbiamo fatto una verifica a Milano) si evince che la copertura è a base di amido e farina, con coloranti naturali. Pe la frittura la catena di fast food usa olio vegetale non meglio identificato. Se confrontiamo le Satisfries con le patatine classiche di Burger King, il dato più rilevante è la minor quantità di sale (l’ufficio stampa precisa che volendo si può chiedere il prodotto senza sale aggiunto).

L’ultimo appunto da aggiungere è che Burger King propone l’abbinamento con la salsa Tomato Ketchup Heinz in versione light, a ridotto contenuto di sale e zucchero.

 

patatine fritte mcdonaldsPer quanto riguarda le calorie, il confronto è soprattutto teorico perché non è semplice paragonare le porzioni, visto che i formati sono molto differenti tra loro (guarda tabella). Le Satisfries apportano 208 calorie per 100 grammi di prodotto, mentre le french fries classiche, sempre di Burger King arrivano a 273 calorie per la stessa quantità.

 

Resta il fatto che le patatine fritte non potranno mai trasformarsi in un prodotto light, anche se lo sforzo di Burger King è apprezzabile, soprattutto per quanto riguarda la riduzione del contenuto di sale. L’unica accortezza è di accontentarsi di una porzione piccola, mentre la presenza di una versione “King size” sembra fatta apposta per indurre i consumatori ad abbondare in quello che è presentato come un prodotto a “ridotto apporto di grassi”.

(*) Un gioco di parole tra “soddisfa” (Satisfies) e “patatine fritte” (fries)

 

Paola Emilia Cicerone e Valeria Nardi

 tabella confronto patatine burger king mcdonalds satisfries

© Riproduzione riservata

Foto: Bk.com, Mcdonalds.it

  Paola Emilia Cicerone

Paola Emilia Cicerone
giornalista scientifica

Guarda qui

carne finta fake meat burger

Ceci n’est pas une steak: la campagna contro l’uso dei nomi di prodotti a base di carne per i surrogati vegetali

L’hanno chiamata Ceci n’est pas une steak, Questa non è una bistecca, l’efficace campagna pubblicitaria che …

2 Commenti

  1. Avatar
    Alessandro Minelli

    L’elenco degli ingredienti delle patatine di McDonald’s risulta molto diverso da quello diffuso dalla stessa azienda lo scorso anno, vedi http://www.dissapore.com/grande-notizia/nelle-patate-fritte-mc-donalds-ci-sono-17-ingredienti/, forse la differenza è relativa alla versione italiana/europea rispetto a quella americana?

    • Valeria Nardi

      Anche noi abbiamo letto quell’articolo, ma penso che la differenza sia da ricercarsi proprio nella provenienza dei dati. Quelli in tabella ce li ha forniti un responsabile dell’ufficio stampa di McDonald’s Italia, e sono validi per l’Italia.