Home / Allerta / Salmonella in filetti di pollo marinati e congelati e Escherichia coli in vongole vive. Ritirati dal mercato europeo 68 prodotti

Salmonella in filetti di pollo marinati e congelati e Escherichia coli in vongole vive. Ritirati dal mercato europeo 68 prodotti

Nella settimana n°28 del 2020 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 54 (6 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende tre casi: Salmonella enterica (ser. Enteritidis e ser. Infantis) in filetti di pollo marinati e congelati, dalla Polonia; conteggio troppo alto di Escherichia coli in vongole vive (Ruditapes philippinarum) dall’Italia; presenza di lattosio in yogurt dichiarato senza lattosio, proveniente dalla Grecia (a marchio Despar Free From; nelle versioni senza grassi e con pezzi di fragola; venduto in confezioni da 150 grammi con il numero di lotto 26/07/2020, che coincide con la data di scadenza; leggi qui per ulteriori dettagli).

pollo carne tacchino Salmonella
Salmonella in filetti di pollo marinati e congelati, dalla Polonia

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: Salmonella enterica (ser. Blockley) in cozze vive (Mytilus galloprovincialis) dall’Italia; Salmonella in due lotti di proteine animali trasformate, per alimenti per animali domestici, dalla Spagna.

Questa settimana tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato la Germania segnala un’allerta per la presenza di Salmonella in salame, dall’Italia; la Spagna segnala norovirus (GII) in vongole vive (Chamelea gallina); la Spagna segnala conteggio troppo alto di Escherichia coli in vongole veraci.

© Riproduzione riservata

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Glutine non dichiarato in zuccherini colorati gluten-free e Listeria in polpo cotto… Ritirati dal mercato europeo 68 prodotti

Nella settimana n°27 del 2020 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *