Home / Allerta / Salmonella in filetti di pollo dalla Polonia e in farina di riso dall’Italia… Ritirati dal mercato europeo 61 prodotti

Salmonella in filetti di pollo dalla Polonia e in farina di riso dall’Italia… Ritirati dal mercato europeo 61 prodotti

salmonellaNella settimana n°13 del 2020 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 61 (5 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende due casi: Salmonella enterica (ser. Infantis) in carne di kebab, congelata, dalla Slovenia; Salmonella enterica (ser. Newport) in filetti interni di pollo, marinato e congelato, dalla Polonia.

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: Salmonella in cosce di pollo congelate, dalla Germania; ingrediente non autorizzato (Cannabis sativa) in infusi di erbe dall’Italia; mangime per animali a base di semi di camelina (Camelina sativa) inadatto all’alimentazione animale a causa della presenza di erbe tossiche, dalla Russia.

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala: Salmonella in semi di sesamo bianco dal Sudan, attraverso gli Emirati Arabi Uniti.

Questa settimana tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato la Germania segnala un’allerta per la presenza di Salmonella in farina di riso.

© Riproduzione riservata

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Solfiti in uva passa dal Sud Africa e mercurio in tonno rosso dalla Spagna… Ritirati dal mercato europeo 80 prodotti

Nella settimana n°40 del 2020 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …

2 Commenti

  1. Avatar
    ALFREDO MAIOLINO

    Salve, c’è la cattiva abitudine di raccontare i fatti ma non viene mai o raramente il nome del produttore per cui si finisce di essere diffidenti per quella tipologia di alimento e non per marca penalizzando anche chi rispetta regole e protocolli. Sarebbe il caso che si perdesse questa abitudine. Gtazie