Home / Allerta / Salmonella in carne avicola dalla Polonia e uova non dichiarate in salsa con vongole italiana… Ritirati dal mercato europeo 98 prodotti

Salmonella in carne avicola dalla Polonia e uova non dichiarate in salsa con vongole italiana… Ritirati dal mercato europeo 98 prodotti

salmonellaNella settimana n°28 del 2018 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 98 (11 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende quattro casi: Salmonella enterica (ser. Enteritidis) in carne avicola congelata dalla Polonia; uova non dichiarate in salsa con vongole dall’Italia; richiamo ai consumatori di vegetali congelati dal Belgio in relazione a un’epidemia di origine alimentare multi-paese (qui uno degli ultimi ritiri italiani); istamina in tonno pinna gialla congelato dall’Indonesia.

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: odore anomalo di acqua minerale proveniente dall’Italia contaminata con idrocarburi aromatici; conteggio troppo elevato di Enterobacteriaceae in pollame misto e altre farine di carne destinate a mangime, dalla Spagna; cadmio in totano refrigerato (Todarodes sagittatus) dalla Spagna; istamina in filetti di sardine sott’olio della Tunisia; presenza di DNA di ruminanti in farina di pesce destinata a mangime, dalla Spagna; livello di residuo di medicinale veterinario (ossitetraciclina ) superiore al limite in carne (muscolo) di coniglio dall’Italia.

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala: presenza di tossina di Shiga, prodotta dal gruppo Escherichia coli, in manzo disossato e surgelato dell’Uruguay; corpo estraneo (strutture filamentose di origine non animale) in farina di pesce destinata a mangime, proveniente da Mauritius; assenza di certificati sanitari per pasta di riso dalla Cina; migrazione di cromo da vasi di vetro provenienti dalla Cina.

Questa settimana tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato, la stessa Italia ha segnalato i tre richiami già riportati sopra riguardanti: l’allergene nella salsa con vongole, l’odore anomalo dell’acqua minerale e il residuo di medicinale nella carne di coniglio.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Curcuma: allerta per gli integratori. 16 prodotti segnalati e 16 i casi di epatite. L’elenco completo

Aggiornamento del 30 maggio 2019: l’Istituto superiore di sanità ha identificato un nuovo caso di …

2 Commenti

  1. Riguardo alla carne di pollo mi sembra che sia “normale ” che possa contenere il batterio della salmonella. Infatti si raccomanda di non lavare il pollo e di cuocere bene la sua carne. Forse è un problema di quantità?
    Mi potreste chiarire l’argomento?
    Grazie

    • Valeria Nardi

      Gentilissimo Francesco, nella carne fresca di pollo la normativa prevede l’assenza di Salmonella Enteritidis e Typhimurium (compresa la variante monofasica).