Home / Supermercato / Sacchetti per l’ortofrutta biodegradabili. Esselunga segue l’esempio di NaturaSì, UniCoop e Eataly. Dal 2018 saranno obbligatori per tutti

Sacchetti per l’ortofrutta biodegradabili. Esselunga segue l’esempio di NaturaSì, UniCoop e Eataly. Dal 2018 saranno obbligatori per tutti

Da qualche anno in Italia è vietata la vendita di sacchetti per la spesa monouso in plastica non biodegradabili che una volta venivano distribuiti dai supermercati. Il divieto però non riguarda i sacchetti e i guanti utilizzati dalla persone quando devono scegliere frutta e verdura. Per questo motivo nella maggior parte dei punti vendita sacchetti e guanti sono realizzati con le tradizionali plastiche ottenute da fonti fossili, tra cui il polietilene, e quindi non biodegradabili. Qualcosa però sta cambiando.

In alcuni punti vendita Esselunga, nel reparto ortofrutta, i clienti possono utilizzare dei sacchetti biodegradabili e compostabili per pesare la frutta e la verdura sfusa. “Si tratta di un test – ci hanno spiegato dall’azienda – che al momento vede coinvolti oltre 20 negozi in Lombardia, Piemonte e Toscana”. La catena di supermercati assicura che se l’esperimento darà dei risultati positivi, allora si estenderà progressivamente anche agli altri negozi.

Sacchetti biodegradabili
Sacchetti biodegradabili per l’ortofrutta. Esselunga segue l’esempio di NaturaSì, UniCoop e Eataly.

Prima di Esselunga anche altre catene hanno deciso di sostituire la plastica con materiale compostabile. Si tratta di Unicoop Firenze, Eataly e il gruppo EcorNaturaSì (che comprendono i marchi Cuorebio e NaturaSì). In genere si usano buste di carta oppure shopper in Mater-Bi o in Biocartene, derivati rispettivamente dall’amido di mais e dall’amido di patata.

Tutto questo zelo ecologista si deve anche al fatto che tra meno di un anno i guanti e sacchetti distribuiti nei supermercati per l’ortofrutta dovranno essere biodegradabili e compostabili. Lo ha stabilito il Consiglio dei ministri con un decreto legislativo finalizzato alla riduzione di borse di plastica in materiale leggero, in attuazione della direttiva (UE)*.

*Direttiva (UE) 2015/720 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2015.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Quasi il 20% dei britannici fa la spesa alimentare solo online. Indagine di mercato della società di affiliate marketing Awin

Il 18% dei consumatori britannici fa la spesa alimentare solo online, il 33% lo fa …

2 Commenti

  1. Dovrebbero fare anche le etichette del prezzo compostabili, visto che poi questi sacchetti saranno usati per la raccolta dell’umido di casa.

  2. spiegatemi…sacchetto biodegradabile e adesivo importo bilancia applicato su (e che non si stacca più) non lo si potrà inserire nell’umido….