Home / Recensioni & Eventi / Prende il via il Master in “Ristorazione Collettiva” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore

Prende il via il Master in “Ristorazione Collettiva” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore

ristorazione collettiva piatti buffet hotel tovaglia aperitivoSono aperte le iscrizioni per partecipare alla prima edizione del Master di I livello in “Ristorazione Collettiva” promosso dall’Università Cattolica del Sacro Cuore in collaborazione con l’Associazione Nazionale Dietisti, per l’anno accademico 2019/2020.

Il corso, con sede a Piacenza e della durata di un anno, ha lo scopo di formare professionisti dei servizi di ristorazione collettiva e commerciale, fornendo conoscenze e competenze relative a: legislazione e norme internazionali ed europee, sicurezza nutrizionale, gestione di menu per la collettività, stesura dei capitolati d’appalto, gestione della produzione e controllo di qualità nelle aziende di ristorazione, autenticità e frodi dei prodotti alimentari, salubrità e igiene degli alimenti e degli ambienti.

L’ordinamento didattico prevede corsi quali: gestione delle diete speciali e degli allergeni, legislazione sulla sicurezza alimentare e rintracciabilità, gestione del rischio e dei rischi emergenti nelle strutture per la ristorazione collettiva, analisi organolettica e tecnologie di preparazione e conservazione degli alimenti, food cost e operational management. Gli insegnamenti prevedono anche lezioni pratiche di analisi sensoriale, seminari e visite didattiche, e un progetto di stage in azienda di 450 ore.

Il Master è rivolto ai laureati triennali e magistrali nel campo scientifico (biologia, chimica, medicina, farmacia, biotecnologia), e a quelli con titoli affini che saranno oggetto di valutazione da parte del Consiglio Direttivo. La selezione è aperta fino ad esaurimento posti (20) e comunque non oltre il 30 settembre 2019. La partecipazione, in seguito al superamento delle selezioni, prevede una quota di partecipazione di 4.000 €.

Il bando completo e relativa modulistica sono disponibili sul sito qui.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Polli allevamento

Oltre 1,6 milioni di firme per chiedere lo stop agli allevamenti in gabbia

La petizione europea per la protezione degli animali negli allevamenti, End the Cage Age, lanciata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *