Home / Richiami e ritiri / I richiami della settimana: insalata di riso, pasta, cracker, salatini, coni gelato, carne, cozze…

I richiami della settimana: insalata di riso, pasta, cracker, salatini, coni gelato, carne, cozze…

insalata di riso viva la mamma berettaCoop e il ministero della Salute hanno segnalato il richiamo precauzionale di un lotto di insalata di riso a marchio Viva la Mamma Beretta per un “errore di ricettazione con possibile presenza di glutine”. Il provvedimento è stato diffuso anche dai supermercati Basko, Gros Cidac (aggiornamento del 30 agosto). Il prodotto interessato è venduto in confezioni da 400 grammi con il numero di lotto S691210923 e la data di scadenza 23/09/2021.

L’insalata di riso richiamata è stata prodotta da Piatti Freschi Italia Spa, nello stabilimento di via Fratelli Bandiera 12, a Trezzo sull’Adda, nella città metropolitana di Milano (marchio di identificazione IT 1784L CE). Per ulteriori informazione è possibile contattare l’ufficio assicurazione qualità dell’azienda al numero 02 909851.

Il ministero della Salute ha pubblicato anche il richiamo precauzionale di un lotto di cracker senza granelli di sale in superficie a marchio Despar per la “possibile presenza di corpi estranei”. Le confezioni coinvolte sono quelle da 500 grammi con il numero di lotto 6111 e il termine minimo di conservazione (Tmc) 30/07/2022.

I cracker richiamati sono stati prodotti da Nuova Industria Biscotti Crich Spa, nello stabilimento di via Alcide De Gasperi 11, a Zenson di Piave, in provincia di Treviso.

I supermercati A&O e Famila invece hanno diffuso il richiamo di un lotto di coni gelato alla panna senza glutine a marchio Vivi Bene Selex perché “il produttore Eskigel con analisi di autocontrollo per la ricerca di lattosio ha riscontrato valori superiori al limite”. I prodotti in questione sono venduti in confezioni da 300 grammi (4×75 grammi) con il numero di lotto TE 1214 (EAN 8003100873019).

I coni gelato richiamati sono stati prodotti per Selex da Eskigel S.r.l. a s.u. nello stabilimento di via A. Vanzetti, 11, a Terni.

Coop ha pubblicato anche il richiamo di un lotto di cornettini würstel a marchio Baker & Baker per la “presenza di ossido di etilene”. Il prodotto interessato appartiene al lotto numero 1000867362 con la data di scadenza 26/11/2021.

I cornettini würstel richiamati sono stati prodotti da Baker & Baker di Terrassa, nella provincia di Barcellona, nella comunità autonoma della Catalogna (Spagna).

Metro, invece, ha segnalato il richiamo di un lotto di cappello del prete e sottofesa di vitello a marchio Metro Chef per la presenza di “Escherichia coli produttori di Shiga-tossine (E.coli STEC)”. La carne coinvolta è venduta in confezioni sottovuoto con il numero di lotto 10010115 e la data di scadenza 23/08/2021.

La carne di vitello richiamata è stata prodotta per Metro Italia Cash and Carry Spa da Vanlommel N.V., nello stabilimento di Industrielaan 21, ad Olen, in Belgio.

Il ministero della Salute ha pubblicato anche gli avvisi di richiamo di alcuni lotti e formati di pasta alla curcuma e pepe bio a marchio Pasta Natura per la “presenza di ossido di etilene in ingrediente curcuma”. Le confezioni interessate sono quelle da 250 grammi, dei seguenti formati:

I formati di pasta richiamati sono stati prodotti da Pasta Natura Srl, nello stabilimento di via Agricoltura 10 a Busca, in provincia di Cuneo.

Il ministero, infine, ha pubblicato anche il richiamo di un lotto di mitili o cozze (Mytilus galloprovincialis) perché è stata “rilevata la presenza di biotossine marine DSP oltre i limiti di legge”. Il prodotto interessato è stato raccolto in data 16/08/2021 e venduto in confezioni da 5 ke.

Le cozze richiamate sono state prodotte dalla Società Agricola Angelo Mancin nello stabilimento di viale della Repubblica 147, in località Scardovari, a Porto Tolle, in provincia di Rovigo.

Dal 1° gennaio 2021, Il Fatto Alimentare ha segnalato 173 richiami, per un totale di 298 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: ministero della Salute, Coop, Famila, Metro

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

Donna mangia nachos o tortillas

Possibile presenza di alcaloidi tropanici: richiamo per un altro marchio di tortilla chips bio

Eataly e NaturaSì hanno pubblicato il richiamo precauzionale da parte del produttore di un diversi …

2 Commenti

  1. Sono contenta che qualcuno si occupi di queste informazioni….gia sino preoccupata di cosa si mangia… Con tutte contraffazioni che sono in giro… Leggo sempre e dico sempre l’etichettatura dell prodotto che compro… Ancora grazie per la vostra informazione

  2. Grazie mille per le informazioni fornite